Messa a Disposizione: quanto guadagna un insegnante?
Condividi l'articolo

Un’ottima strategia per ottenere incarichi di supplenza senza essere iscritti nelle graduatorie è l’invio della Messa a Disposizione.

Ma il docente assunto con la MAD guadagna come gli altri insegnanti? O c’è differenza nello stipendio?

Messa a Disposizione: perché inviarla

La MAD è uno strumento molto importante che ogni aspirante docente dovrebbe conoscere.

Si tratta di un’istanza informale da inviare alle scuole per rendersi disponibili ad accettare futuri incarichi di supplenza.

Il vantaggio più importante della MAD risiede nel fatto che non è necessario essere iscritti nelle graduatorie scuola per poterla inviare.

Infatti, la domanda di Messa a Disposizione può essere inviata dagli aspiranti docenti in possesso del solo diploma specifico per la relativa Classe di Concorso.

Anzi, la MAD può essere inviata anche solo possedendo la laurea triennale…

Questo perché le scuole hanno sempre più bisogno di supplenti.

Le cattedre vacanti sono numerosissime ogni anno: basta pensare che, secondo le stime dei sindacati, saranno 150mila i supplenti in cattedra da settembre.

Ma come si fa ad inviare la MAD?

Come inviare la MAD 2022/23

Una delle cose più importanti da sapere per chi vuole entrare nel mondo scuola è che il periodo migliore per inviare la MAD è proprio questo.

Le scuole hanno già iniziato la caccia ai supplenti.

Per questo la seconda metà di agosto è decisiva: se invierai la tua MAD ora avrai più possibilità di essere convocato.

Ma come si fa a redigere una MAD?

Se vuoi inviare la MAD per l’a.s. 2022/23, ti consigliamo di non muoverti da solo…

Affidati invece ad un team di esperti consulenti: sapranno guidarti nella maniera giusta.

Docenti.it è specializzato nell’aiutare futuri docenti a realizzare i propri sogni.

Con la piattaforma Docenti.ti potrai inviare la tua MAD alle scuole in modalità ONLINE.

Sarai seguito passo per passo dai nostri consulenti… In questo modo avrai la certezza di aver fatto tutto nel migliore dei modi!

Inviare la domanda di Messa a Disposizione ora è decisamente conveniente: invia la tua MAD a partire da soli 19 euro!

Invia ORA la tua MAD qui

Ricorda che la domanda di Messa a Disposizione può essere inviata anche sul Sostegno.

Ogni anno sono sempre di più i supplenti ricercati sul sostegno.
Infatti, dal momento che mancano gli insegnanti specializzati per questo ruolo, le scuole devono sempre ricorrere ai supplenti convocati da Messa a Disposizione!

Per questo motivo, se sei deciso ad inviare la tua MAD agli istituti per diventare insegnante, ti consigliamo caldamente di tenerti aperta la possibilità di insegnare sul sostegno!

E per darti una mano, abbiamo deciso di creare una PROMO speciale.

Invia la tua MAD Sostegno a soli 12 euro invece di 19!

Attiva ora la PROMO MAD SOSTEGNO

Ma ora la domanda più importante…

Quando guadagna un supplente assunto da MAD?

Assunti da MAD: quanto si guadagna?

Erroneamente si crede che chi viene assunto da MAD guadagni meno rispetto agli altri docenti…

In realtà, l’assunzione da domanda di Messa a Disposizione comporta la stipulazione di un contratto a tempo determinato, esattamente come avviene per i supplenti assunti da GPS, GI ecc.

Lo stipendio è dunque uguale a quello di questi docenti.

Ma di che cifra parliamo?

In linea generale, gli stipendi dei supplenti si aggirano su queste cifre:

  • 1180 euro per insegnanti di Infanzia e Primaria
  • 1240 euro per insegnanti della Scuola Media
  • 1350 euro per i docenti della Scuola Superiore

Non hai ancora inviato la tua MAD?

Che cosa aspetti?

Invia ORA la tua MAD qui

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.