L’educatore professionale: una figura che lavora nelle Case-famiglia

L’educatore professionale: una figura che lavora nelle Case-famiglia
Condividi l'articolo

Nel 2017 erano più di 32 mila i minori che necessitavano dei servizi nelle Comunità italiane, allontanati per motivi disparati dalle loro famiglie.

Alcuni di questi minori hanno vissuto o continuano a vivere nelle Case-famiglia.

In questo articolo analizziamo la figura dell’educatore professionale: un punto di riferimento per le Comunità.

L’educatore professionale: il suo ruolo nelle Case-famiglia

Sono tantissimi i minori e le famiglie che hanno bisogno di assistenza in Italia.

All’interno delle Case-famiglia si fa ricorso agli Educatori e alle Educatrici Professionali come figure necessarie e punto di riferimento per bambini e genitori.

L’Educatore Professionale socio-pedagogico svolge un compito estremamente delicato e sempre al vantaggio del minore.

Si tratta di una figura che lavora:

  • nei presidi socio-educativi;
  • in presidi socio-assistenziali;
  • nei confronti di persone di ogni età.

Questi gli ambiti:

  • educativo e formativo;
  • scolastico;
  • socio-assistenziale;
  • della famiglia e della genitorialità;
  • culturale;
  • giudiziario;
  • ambientale;
  • sportivo e motorio;
  • integrazione e cooperazione.

L’Educatore Professionale può, ad esempio, aiutare il minore a svolgere i compiti e studiare o accompagnarlo a scuola o a fare sport.

Insomma: la figura in questione affianca i bambini e la famiglia nel quotidiano, coglie i dettagli e studia le dinamiche interpersonali.

Chiaramente il suo lavoro deve essere impostato sull’accoglienza e volto alla comprensione dei bisogni e delle necessità dei minori.

Ma come si diventa Educatori Professionali?

Diventare Educatore Professionale

Per diventare Educatore Professionale è necessario conseguire una Laurea in Educazione Professionale nella Classe di Laurea L-19, ovvero Scienze dell’Educazione e formazione.

Esiste però un’altra possibilità.

Chi possiede un Diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 o chi lavora già come educatore ma senza laurea, può iscriversi al Corso di Educatore Professionale.

Il Corso permette l’acquisizione dei 60 CFU necessari per diventare Educatore socio-pedagogico senza dover conseguire la laurea.

Sono però necessari determinati requisiti.
E l’interessato deve possederne almeno uno:

  • superamento di un concorso pubblico;
  • svolgimento dell’attività di educatore per almeno tre anni anche non continuativi;
  • Diploma magistrale rilasciato entro il 2001/2002 da un istituto o scuola magistrale.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.