MAD e laurea in Matematica: quanto è richiesta dalle scuole?
Condividi l'articolo

A quali Classi di Concorso dà accesso la laurea in Matematica?

E quanto è richiesto questo titolo di studi per insegnare nelle scuole?

Ecco tutto ciò che devi sapere.

Classi di Concorso Matematica: cosa puoi fare

La tua tipologia di titolo di studio ti permette di accedere a precise Classi di Concorso: in questo articolo parliamo della laurea in Matematica.

Innanzitutto, per avere accesso diretto a certe CdC di questo ambito, devi possedere uno dei seguenti titoli:

  • Laurea in Matematica (vecchio ordinamento);
  • Laurea in Matematica e Fisica (vecchio ordinamento);
  • oppure, Laurea specialistica LS 45;
  • infine, Laurea magistrale LM 40.

Nello specifico, la Laurea in Matematica di vecchio ordinamento ti dà accesso alle seguenti CdC:

  • A-20 – Fisica
  • A-26 – Matematica
  • A-27 – Matematica e Fisica
  • A-28 – Matematica e scienze
  • A-33 – Scienze e tecnologie aeronautiche
  • A-41 – Scienze e tecnologie informatiche
  • A-43 – Scienze e tecnologie nautiche
  • A-47 – Scienze matematiche applicate

Se possiedi questo titolo devi sapere di essere molto avvantaggiato nel mondo scuola.

Infatti, le Classi di Concorso scientifiche (quelle cioè STEM) sono tra le più richieste.

Le scuole, quindi, sono sempre alla ricerca di insegnanti e supplenti di Matematica.

Che cosa puoi fare per iniziare ad insegnare fin da subito?

Quando si viene chiamati con la MAD Matematica?

Il miglior modo per entrare ora nel mondo della scuola è l’utilizzo della MAD (domanda di Messa a Disposizione): un’istanza informale da presentare alle scuole per rendersi disponibili ad eventuali incarichi di supplenza.

Come abbiamo detto, gli aspiranti in possesso di una laurea in Matematica (o comunque tutti i laureati STEM) hanno ottime possibilità di ottenere incarichi poiché le loro Classi di Concorso sono sempre più richieste.

Ma c’è di più.

E per parlarti di questo “di più’ vogliamo farti l’esempio di uno dei nostri clienti, che è riuscito, giovanissimo, ad ottenere un incarico come supplente di Matematica, dopo aver inviato la MAD con noi!

Lorenzo Bozzi, laureando triennale in Matematica, ha inviato a soli 22 anni la sua prima MAD senza nemmeno possedere la laurea.

Dopo aver inoltrato la sua candidatura con il servizio MAD di Docenti.it, ha ottenuto una convocazione in un solo mese: “ho fatto la MAD a dicembre e a gennaio sono stato subito contattato da due scuole“.

Questo significa che, data l’elevatissima richiesta di supplenti di Matematica, le scuole ricercano e convocano anche chi ancora non si è laureato o possiede solo la triennale.

Ricevere una convocazione da Messa a Disposizione però non è del tutto facile.

Il modo migliore per candidarsi alle scuole è farlo affidandosi allo specialista della Messa a Disposizione: Docenti.it.

Da oltre 7 anni Docenti.it aiuta gli aspiranti docenti ad entrare nel mondo della scuola. Proprio per questo, ha ideato una piattaforma per l’invio della MAD totalmente ONLINE.

Vediamo come fare per candidarsi con la MAD.

Come fare la MAD?

Docenti.it offre la possibilità di compilare la propria domanda di Messa a Disposizione ONLINE.

Il servizio dispone di varie tipologie: MAD Classica, Sostegno e personale ATA.

Se possiedi una laurea in Matematica, il nostro consiglio è di candidarti con una MAD Classica poiché hai già accesso diretto a diverse Classi di Concorso.

Ricordiamo però che le scuole convocano anche i laureandi o i laureati triennali.

Con il servizio di Docenti.it dovrai semplicemente compilare il form online.

Successivamente, verrai contattato da un consulente specializzato entro 24 ore lavorative, il quale controllerà e correggerà i tuoi dati.

Infine, il consulente invierà per te la MAD alle scuole da te scelte. Tu riceverai un report a fine giornata con i dati delle scuole che hanno ottenuto la tua candidatura.

Semplice, no?

Inoltre, solo con Docenti.it verrai inserito automaticamente nell’Elenco Nazionale Supplenti e godrai della garanzia Soddisfatto o Rimborsato.

Che cosa aspetti? Invia la tua MAD ora con Docenti.it!

Compila qui la tua MAD

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com