Messa a Disposizione: i 24 CFU sono necessari per ottenere incarichi?
Condividi l'articolo

I 24 CFU per l’insegnamento ti conferiscono maggiori possibilità di una convocazione da Messa a Disposizione?

Ecco una delle domande più comuni che gli aspiranti docenti ci pongono, soprattutto in questo ultimo periodo.

Trovi la risposta in questo articolo.

Nuovo reclutamento docenti e 24 CFU

Una delle domande più comuni che gli aspiranti docenti ci pongono quando si rivolgono a noi per inviare la loro Messa a Disposizione è questa:

i 24 CFU servono per inviare la MAD?

Questa domanda ci viene posta con maggiore veemenza in quest’ultimo periodo.

Il motivo, come già saprai, risiede nelle ultime notizie che circolano sul nuovo reclutamento docenti e sui 24 CFU.

Da quando la riforma Bianchi è divenuta legge,
i docenti hanno potuto nutrire maggiore consapevolezza sul destino dei 24 CFU.

Questi famosi crediti universitari che ormai la maggior parte dei docenti ha conseguito, rimarranno validi fino a dicembre 2024 per accedere ai concorsi, ma…

Sarà necessario acquisirli entro il 31 ottobre 2022.
Dopo, non sarà più possibile farlo.

E non verranno più nemmeno riconosciuti.

A questo punto, andiamo diretti al tema centrale dell’articolo:

Devi conseguire i 24 CFU per avere maggiori possibilità di ottenere convocazioni?

Abbiamo visto che per accedere ai concorsi entro il 2024 i 24 crediti sono necessari.

Ma per le domande di Messa a Disposizione, invece?

Messa a Disposizione: servono i 24 CFU?

Iniziamo con il dire che i 24 CFU per l’insegnamento rappresentano, attualmente,
uno dei requisiti fondamentali per diventare insegnante.

Sappiamo che l’acquisizione di questi crediti è tutt’oggi indispensabile se un docente vuole iscriversi in graduatoria, ad esempio, o concorrere per accedere ad un concorso scuola.

Ma per quanto riguarda la domanda di Messa a Disposizione?
Sono davvero necessari per inoltrare la domanda?

La risposta, in questo caso, è no.
Nemmeno ora che il nuovo sistema di reclutamento docenti è cambiato.

I 24 CFU non sono necessari per inviare la MAD alle scuole.

In realtà, ad oggi, i requisiti per candidarsi negli istituti con questa istanza non sono molti.
O meglio, ci sono determinati requisiti da rispettare se vuoi candidarti nelle scuole con la MAD.

(E ti conviene realmente farlo, dal momento che per settembre
si prospettano quasi 50mila cattedre vacanti, dopo gli esisti della mobilità!
)

invia ora la tua MAD

Nel corso del tempo, abbiamo accumulato numerose esperienze di docenti sprovvisti di laurea, che sono stati convocati dagli istituti solo con il diploma.

E questo avviene (sempre) a causa del fatto che l’esigenza degli istituti di docenti e supplenti è, ogni anno, sempre maggiore.

È quello che è successo a Lorenzo, 22enne laureando triennale di Matematica, convocato per una supplenza dopo solo un mese dall’invio della sua MAD sulla nostra piattaforma (puoi leggere la sua testimonianza qui.)

Ma, tornando ai nostri 24 CFU…

La questione non è se siano o meno indispensabili per inviare la MAD.

Il dilemma è un altro.

Messa a Disposizione

Quale docente ha la precedenza da MAD?

Se un docente possiede i 24 CFU e un altro non li ha,
quale dei due verrà convocato come supplente?

Dal momento che, attualmente, sono in molti i docenti che hanno conseguito i 24 CFU, i Dirigenti Scolastici prestano molta attenzione nel selezionare i supplenti.

Quando parliamo di “selezione” ci riferiamo a questo fatto:

tra un docente in possesso dei 24 CFU
e uno che non li possiede,
gli istituti convocheranno sempre chi ne è in possesso.

Di conseguenza, se non hai ancora conseguito questi crediti e vorresti fare dell’insegnamento la tua professione, è bene che tu inizi sin da ora a conseguirli.

Puoi farlo qui.

CONSEGUI SUBITO I 24 CFU

Invia la tua MAD: perché dovresti farlo ora?

Siamo nel mese di luglio e, come sappiamo tutti, questo non è certo il periodo migliore per candidarsi nelle scuole con una MAD.

No. Il periodo migliore inizia con agosto e termina con ottobre.

Ma questo tu già lo sai.
E noi siamo troppo onesti per stare qui a venderti il contrario.

Ma allora perché ti stiamo suggerendo di candidarti adesso?

Semplicemente perché c’è un modo per programmare ora la tua candidatura
e fare in modo che arrivi direttamente a settembre…

… Prima di tutte le altre!

Questa possibilità è data da MAD Plus, il servizio di Docenti.it che ti consente di programmare ora due invii della tua domanda di Messa a Disposizione, oltre al primo.

Questi due invii verranno programmati e gestiti direttamente dalla nostra piattaforma, che si occuperà di inviare le domande direttamente nelle caselle degli istituti scolastici durante i periodi che tu hai scelto.

Ad esempio: puoi programmare una MAD per agosto, una per ottobre e un’altra per dicembre.
E qui ti abbiamo indicato i tre periodi dell’anno scolastico migliori, durante i quali gli istituti ricercheranno sicuramente supplenti.

E inoltre, puoi decidere di variare la tipologia di MAD da inviare.
Ad esempio, puoi inviare una MAD sostegno, una MAD classica e, infine, una MAD personale ATA.
Il che aumenta ancora di più le tue possibilità di ottenere convocazioni, perché ti apre più porte.

invia ora la tua MAD Plus

Ma quali sono i benefici che otterrai, se deciderai di affidarti a noi per l’invio della tua MAD?

Messa a Disposizione
  • riceverai una chiamata da un consulente esperto, che ti contatterà entro 48h lavorative dalla compilazione della tua Messa a Disposizione sulla nostra piattaforma;
  • avrai un consulente a disposizione, che riepilogherà la tua MAD e correggerà eventuali errori che puoi aver commesso durante la compilazione;
  • la tua MAD verrà inviata automaticamente a tutti gli istituti della provincia da te selezionata, senza che tu debba muovere un dito: attivando MAD Plus, tu avrai 3 invii programmati automaticamente per i periodi che preferisci;
  • tu verrai inserito nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma consultata da più di 12mila istituti, sempre alla ricerca di docenti da inserire nel proprio organico;
  • grazie alla nostra collaborazione con i principali portali Argo, Nuvola e Spaggiari, la tua candidatura verrà inviata direttamente nelle caselle istituzionali delle segreterie scolastiche: in questo modo, potrai star certo che non passerà inosservata!
  • inoltre, riceverai un report con indicate tutte le scuole che hanno ricevuto la tua candidatura.

Ma avevamo promesso di darti qualche spiegazione in più sul perché è necessario candidarti con la MAD adesso, in vista di settembre.

Come abbiamo già anticipato poco fa, dopo gli esiti della mobilità si prospettano 55mila cattedre scoperte.

E come pensi che faranno gli istituti a coprirle?
Con le domande di Messa a Disposizione!

Gli istituti avranno talmente bisogno di supplenti che, a partire da settembre,
convocheranno anche i diplomati dalle domande di Messa a Disposizione.

Esattamente come è accaduto a Lorenzo, del quale ti abbiamo parlato prima.

Lorenzo non ha avuto fortuna.
Ha colto l’occasione al balzo.
Ha inviato la sua MAD con la nostra piattaforma a fine dicembre e a gennaio aveva già ottenuto ben due convocazioni nella provincia da lui scelta!

Se sei arrivato fino alla fine di questo articolo, non crediamo di doverti convincere che il nostro servizio funziona davvero.

Se già conoscevi Docenti.it, saprai benissimo che la nostra è una piattaforma seria, che aiuta da oltre 6 anni neolaureati e aspiranti docenti ad entrare nel mondo scuola.

E così come abbiamo aiutato Lorenzo, giovane laureando…

… possiamo aiutare anche te.

invia ora con la MAD

Contatta la redazione

Hai dubbi da porci o domande riguardo il servizio di invio Messa a Disposizione?

Puoi contattare la nostra redazione a questo indirizzo: [email protected]

Riceverai una risposta alle tue domande nel breve tempo possibile.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità riguardo la Messa a Disposizione?
Allora leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: Pixabay.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it