Supplenze: si può licenziare un supplente MAD per riassumere da MAD?
Condividi l'articolo

Supplenze da MAD: nel contratto a tempo determinato deve comparire il termine della supplenza.

Ma esistono clausole?

Ed è possibile essere assunti con MAD ed essere licenziati per riassumere da MAD?

Supplenze da MAD: cosa dice il contratto

Un aspirante docente può ottenere incarichi di supplenza
con la domanda di Messa a disposizione.

Trattandosi di un incarico breve, nel contratto deve essere inserito il termine,
ovvero la data di fine impiego
.

Questo è ciò che spiega l’articolo 41, comma 1, del Contratto stipulato dal CCNL nel 2018:

“I contratti a tempo determinato del personale docente, educativo ed ATA devono recare in ogni caso il termine…” 

Fonte: Orizzonte Scuola

Purtroppo, può succedere che una scuola decida di non indicare la data del termine: molto spesso è difficile individuarla, perché manca un concreto dialogo con l’Ufficio Scolastico, il quale si occupa delle procedure di nomina.

Cosa può succedere a quel punto?

La clausola F.A.D: che cos’è?

La clausola F.A.D significa “fino ad avente diritto”.

Una scuola che assume un supplente da MAD può indicare questa clausola nel Contratto,
anche se non è prettamente legittima.

Poniamo un esempio: un supplente è assunto da MAD fino al 30/06 con clausola F.A.D. La scuola è costretta a compiere questa nomina perché l’Ufficio Scolastico non ha ancora terminato la procedura delle nomine di competenza da GAE e GPS.

Concluso l’iter dell’Ufficio Scolastico, la scuola può interpellare dei docenti dalla Graduatoria d’Istituto al fine di coprire eventuali supplenze.

Nell’attesa che le procedure dell’Ufficio Scolastico fossero finite, la scuola ha perciò stipulato un contratto col supplente MAD dichiarando che la nomina sarebbe stata fino al 30/06, ma fino a tale data non poteva essere ancora conferita.

Infine, verificato che non ci fossero aventi al diritto nella Graduatoria d’Istituto, la scuola ha deciso di convocare un nuovo supplente attraverso MAD e sulla stessa cattedra.

Il cambio di supplente è davvero possibile?

In questi casi le normative del Ministero non sono specifiche e per questo possono apparire incomplete.

Il passaggio svolto dalla scuola potrebbe essere in realtà corretto:
esiste una procedura analoga.

Infatti, se la supplenza fosse stata conferita ad un docente della Graduatoria d’Istituto con data di termine, la scuola avrebbe dovuto scorrere la graduatoria nuovamente per verificare se i docenti che non avevano accettato prima per mancanza di termine fossero ora disponibili.

Comunque, nel nostro caso rimane un dubbio: gli studenti che hanno già conosciuto un supplente, non avrebbero il diritto di proseguire un percorso coerente con quello stesso docente?

Chiaramente, se il Dirigente Scolastico avesse individuato un docente con specializzazione di sostegno/abilitazione sarebbe considerata legittima l’assegnazione della precedenza a quest’ultimo.

Ma se così non fosse?

Come puoi vedere, i dubbi che attorniano il mondo scuola sono sempre molti.

Noi cerchiamo sempre di fare chiarezza, per quanto possibile e di aiutare tutti i docenti e gli aspiranti ad entrare nel mondo scuola nella maniera più veloce possibile.

A questo proposito… sapevi che il momento storico che stiamo vivendo attualmente
ti consente di inviare la tua MAD?

supplenze

Perché dovresti inviare ora la tua MAD

Non è un momento facile per gli istituti scolastici.

Tra i numerosi docenti in quarantena e quelli sospesi, perché contrari all’obbligo vaccinale,
sono sempre di più le cattedre vacanti da coprire.

Questa è la situazione attuale per le scuole italiane.

Gli istituti stanno cercando urgentemente di reperire il personale docente
e lo stanno facendo tramite le domande di Messa a Disposizione

che pervengono alle scuole.

Sono moltissimi i supplenti che mancano.

A tal punto che le scuole, in più occasioni, sono state costrette a convocare anche i laureandi, non ancora in possesso dei titoli di studio idonei.

È il caso di Lorenzo, laureando 22enne, che ha ottenuto un incarico dopo aver inviato la Messa a Disposizione con la nostra piattaforma (puoi leggere la sua storia qui).

Attualmente ci sono istituti dove le assunzioni da MAD sono moltissime.

E anche a te potrebbe accadere la stessa cosa che è avvenuta a Lorenzo.
Ovvero: essere convocato per una supplenza scuola, in sostituzione di un docente contrario al Green Pass.

Anche tu potresti essere il prossimo fortunato a ricevere una supplenza.

E noi possiamo aiutarti in questo.

Docenti.it invia la tua MAD direttamente agli istituti della provincia da te scelta,
senza che tu debba fare nulla,
se non compilare la tua domanda direttamente sulla nostra piattaforma.

Infatti, da oltre 6 anni aiutiamo docenti e neolaureati ad entrare nel mondo scuola e possiamo consigliarti nel concreto quale sia la cosa migliore da fare per la tua situazione specifica.

Nel mentre, possiamo darti un consiglio che dovresti sempre tenere in considerazione, ogni volta che decidi di compilare la tua Messa a Disposizione:

Gli istituti hanno sempre bisogno di insegnanti di sostegno.
Ruolo nel quale è sempre molto difficile trovare sia i docenti in possesso del titolo specifico,
sia i supplenti da convocare.

Per questo motivo, anche se non hai ancora i requisiti necessari a ricoprire questo ruolo, è bene che tu tenga in considerazione questa opzione.

Sei un laureando non ancora in possesso del titolo?
Oppure, hai una laurea triennale e vorresti insegnare?

In questo momento, le scuole stanno convocando supplenti da MAD.

Cos’aspetti?

invia ora con la MAD

La storia di Lorenzo (VIDEO)

Ascolta la testimonianza di Lorenzo, laureando triennale, convocato a soli 22 anni da Messa a Disposizione.

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie del mondo scuola?
Leggi anche:

Photo credit: pexels.com