Messa a Disposizione: posso lasciare supplenza per una ad orario intero?
Condividi l'articolo

È possibile lasciare un incarico da Messa a Disposizione di poche ore per uno ad orario intero?

Quali sono i vincoli e le regole per chi accetta un incarico da MAD?

Ecco ciò che devi sapere.

Che tipo di contratto è la Messa a Disposizione?

La MAD è un’istanza informale da presentare alle scuole per rendersi disponibili ad eventuali incarichi di supplenza.

Sono i Dirigenti Scolastici a decidere quando ricorrere alla MAD per ricoprire le cattedre vacanti.

In ogni caso, la Messa a Disposizione si utilizza dopo l’esaurimento delle ordinarie graduatorie.

Il contratto da MAD è di tipo determinato: si può parlare di supplenze brevi ma anche di supplenze fino la fine delle lezioni.

E le supplenze da MAD sono soggette ai vincoli e e le sanzioni previste dall’articolo 14 dell’OM 112/2022.

Ovvero:

  • le sanzioni in merito alla mancata presa di servizio e l’abbandono del servizio
  • l’impossibilità di lasciare una supplenza al 30 giugno e 31 agosto ad orario non intero per una supplenza ad orario intero

In merito alle sanzioni ricordiamo:

  • la rinuncia all’incarico e la mancata assunzione di servizio comportano la perdita della possibilità di conseguire supplenze al 30/06 e 31/08 sulla base delle GAE, delle GPS e delle Graduatorie di Istituto, per tutte le Classi di Concorso e posti di insegnamento di ogni grado d’istruzione cui l’aspirante abbia titolo (e per l’anno scolastico di riferimento)
  • l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze al 30/06 e 31/08 sulla base delle GAE, delle GPS e delle Graduatorie di Istituto, per tutte le Classi di Concorso e posti di insegnamento di ogni grado d’istruzione (e per l’interno periodo di vigenza delle graduatorie medesime)

Cosa succede se rinuncio ad una MAD?

Può succedere che, accettato un incarico da MAD di poche ore, un docente ottenga una convocazione per una supplenza ad orario intero.

Se si rinuncia ad una supplenza già in corso, si parla di abbandono di servizio: l’aspirante perderà la possibilità di ottenere supplenze al 30/06 e 31/08 come citato in precedenza.

Come inviare MAD 2022

Se sei un aspirante docente che vuole entrare nel mondo della scuola, la MAD è lo strumento giusto per te.

Con la domanda di Messa a Disposizione potrai fare esperienza in qualità di insegnante e maturare punteggio per le future gradautorie.

Ma creare una buona MAD non è semplice: il modo migliore per ottenere incarichi di supplenza è affidarsi ad una piattaforma specializzata.

Docenti.it, lo specialista della Messa a Disposizione, offre da vari anni servizi riconosciuti dal MIUR.

Con Docenti.it potrai compilare la tua MAD direttamente sulla piattaforma ONLINE.

Poi:

  1. verrai contattato da un consulente specializzato entro 24 ore lavorative
  2. il consulente farà il controllo dei dati e correggerà gli eventuali errori
  3. la MAD verrà inviata alle scuole da te scelte direttamente dall’operatore
  4. a fine giornata riceverai un report con le informazioni delle scuole che hanno ottenuto la tua candidatura

Con il servizio Docenti.it godrai di un’assistenza continua. In più verrai automaticamente inserito nell’Elenco Nazionale Supplenti e sui principali link privati delle scuole.

Invia una MAD ora ed ottieni un incarico in pochi giorni!

Invia la tua MAD con Docenti.it

Leggi anche:

Photo credit: unsplash.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.