Scuola Classi di Concorso: quale di queste è più richiesta dagli istituti?
Condividi l'articolo

Scuola Classi di Concorso e MAD: quali sono i professori più ricercati? E quali lauree sono le più richieste per insegnare?

Se vuoi entrare nel mondo della scuola, ecco tutto ciò che devi sapere!

Quali sono le Classi di Concorso più richieste?

Le scuole convocano ogni anno tantissimi nuovi docenti e supplenti: ogni alunno frequenta in media 10 materie diverse.

E per insegnare, è necessario possedere un titolo che permetta l’accesso ad una Classe di Concorso specifica.

Esistono tantissime Classi di Concorso, ma alcune sono particolarmente richieste…

Conoscere le Classi di Concorso più ricercate è fondamentale soprattutto per chi è interessato ad entrare nel mondo della scuola con la MAD (domanda di Messa a Disposizione).

Ecco le più richieste:

  • Scienze e Matematica (A26, A28);
  • Fisica (A20);
  • Italiano nelle scuole superiori (A12);
  • Italiano, storia e geografia alle medie (A22);
  • Inglese alle medie (A25).

Ma quali sono, quindi, i titoli necessari per poter insegnare?

Quali sono le lauree più richieste per insegnare?

Ora che abbiamo visto le CdC più richieste in assoluto, vediamo quali sono le lauree utili per poter insegnare.

Ogni Laurea (magistrale o specialistica) ti permette di accedere ad almeno una Classe di Concorso.

Ne esistono però alcune che aprono le porte a più CdC.

Possedendo una delle seguenti lauree avrai più possibilità di insegnare perché avrai accesso a più Classi di Concorso:

  • Laurea in Lettere e Filosofia o in Lettere Moderne
  • Laurea in Matematica, in Fisica o Chimica
  • Laurea in Lingue Straniere
  • Laurea in Biologia, Biologia della Nutrizione Umana, Bio-Farmacia.

Se sei interessato ad entrare nel mondo della scuola, partirai di certo avvantaggiato.

Devi solo sapere dove c’è più bisogno di insegnanti.

Dove c’è carenza di insegnanti?

Ogni anno le scuole italiane sono costrette a convocare migliaia di supplenti.

Ci sono diverse motivazioni: supplenze dell’ultimo minuto, GPS esaurite e mobilità.

Per questi motivi, sono tantissimi gli aspiranti docenti che inviano la MAD (Messa a Disposizione) nella speranza di ottenere una convocazione.

Essere fortunati non basta: bisogna conoscere le zone in cui c’è più carenza di insegnanti.

Per certo, sappiamo che le province più richieste sono le seguenti:

  • ROMA
  • MILANO
  • TORINO
  • NAPOLI
  • BOLOGNA
  • PALERMO
  • FIRENZE
  • CATANIA

Al contrario, le piccole province del Nord Italia presentano pochissimi candidati. In più le MAD pervenute nei piccoli paesini sono solitamente scarse in numero.

Ecco quindi che candidarsi in queste regioni e province risulta decisamente conveniente.

Cosa devi fare per insegnare adesso?

Se sei interessato ad entrare nel mondo della scuola, la cosa migliore che puoi fare è inviare la tua Messa a Disposizione.

Ovviamente, se vuoi ottenere dei risultati tangibili, devi tener conto di tutte le informazioni sopracitate.

Docenti.it si occupa da oltre sette anni di aspiranti docenti: conosce molto bene le necessità della scuola italiana e il loro funzionamento.

Per questo, ha deciso di creare un servizio online estremamente conveniente per l’invio della MAD.

Invia la tua MAD adesso con Docenti.it

Compilando il form online sarai contattato da un consulente specializzato entro 24 ore lavorative, il quale controllerà i tuoi dati e ti guiderà passo per passo nella creazione della tua MAD.

Il consulente invierà poi la MAD alle scuole da te scelte e ti fornirà a fine giornata un report con i dati delle scuole che hanno ricevuto la tua candidatura.

Ma se vuoi avere ancora più possibilità di convocazione, Docenti.it ha selezionato le 10 migliori province:

  • CREMONA
  • LECCO
  • LODI
  • MANTOVA
  • NOVARA
  • PIACENZA
  • PORDENONE
  • ROVIGO
  • UDINE
  • VICENZA

Se sei interessato al nostro PACCHETTO MAD 10 PROVINCE, invia una richiesta a questo indirizzo mail: [email protected].

Solo Docenti.it offre questo servizio esclusivo!

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com