Stipendio insegnanti: come sarà la busta paga di marzo

Stipendio insegnanti: come sarà la busta paga di marzo
Condividi l'articolo

Novità importanti per quanto riguarda lo stipendio insegnanti: le nuove riforme del governo incidono sulla retribuzione dei docenti.

La busta paga di marzo sarà più leggera.

Perché?

Stipendio insegnanti: cosa cambia da marzo

La busta paga di marzo sarà più leggera rispetto alle altre.

Questo è dovuto al fatto che alcune riforme approvate dal governo hanno influito sulla retribuzione dei lavoratori docenti.

Ma vediamo insieme che cosa cambierà.

A partire da marzo non saranno più presenti le detrazioni per figli a carico.
Queste verranno sostituite dall’Assegno unico ed universale: esso verrà corrisposto dall’Inps direttamente sul conto corrente bancario indicato dall’interessato.
Sarà lui a doverne fare esplicita richiesta.

La busta paga di marzo sarà più leggera soprattutto per i lavoratori con figli a carico.

Il motivo?

La prestazione a cui gli interessati avevano diritto non verrà più erogata tramite lo stipendio ma con un assegno a parte.

Ma non si tratta solo di questo. 

Le buste paga da marzo in poi avranno un importo inferiore anche per via delle trattenute, che da dicembre a febbraio non sono state computate.

Assegno Unico e Universale: cosa cambia per gli insegnanti

Parliamo ora invece di Assegno Unico e Universale.

Che cosa cambierà per la busta paga di marzo?

Anche qui, a partire dallo stipendio di marzo 2022, gli assegni al nucleo familiare per nuclei con figli saranno sostituiti con l’Assegno Unico ed Universale, erogato dall’Inps.
Per poterlo ricevere è necessario presentare l’apposita domanda.

E per tutti gli arretrati?

Chi dovesse richiedere eventuali arretrati degli assegni al nucleo familiare, rimane valido il termine dei 5 anni.
Questo vale però per i nuclei con figli spettanti fino al 28 febbraio 2022.

Gli arretrati potranno essere erogati nel cedolino dello stipendio.
Invece, gli assegni per nuclei familiari senza figli continueranno a essere erogati nel cedolino da NoiPA.

Ulteriore cambiamento, a partire dallo stipendio di marzo 2022: questo riguarda le detrazioni fiscali.
Esse saranno automaticamente riconosciute dal 1° marzo, soltanto per i figli con 21 anni compiuti entro il 31 marzo 2022, solo se già presenti in banca dati NoiPA.

Vuoi rimanere aggiornato con le ultime novità sul mondo scuola?
Leggi anche:

Photo credit: Unsplash.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it