Concorso Scuola 2020

Titoli accesso classi di concorso: quali sono?

classe-di-concorso

Vuoi diventare insegnante ma non hai ancora le idee molto chiare su quali sono i titoli accesso classi di concorso? Possedere un titolo di studio non è infatti l’unico requisito sufficiente per inaugurare una carriera da docente. 

Se vuoi avere una panoramica completa di tutte le caratteristiche che devi possedere per iniziare a lavorare nel mondo della scuola italiana, ti consigliamo di continuare a leggere la nostra guida!

Classi di concorso e titoli di accesso all’insegnamento

Per capire come diventare insegnante, bisogna partire da loro, le classi di concorso. Sono queste ultime, infatti, a stabilire quali materie puoi insegnare a partire dal tuo titolo di studio. 

Nello specifico, si tratta di codici stabiliti dal MIUR per fornire una corrispondenza tra un diploma o una laurea e una disciplina di insegnamento. Ogni titolo di studio, quindi, apre alla possibilità di accedere a una o più classi di concorso compatibili con il proprio percorso accademico o universitario.

Per sapere a quali classi di concorso puoi accedere devi quindi partire dalla tua laurea o diploma. Scoprirai subito che, a seconda del titolo che hai conseguito, potrai avere accesso o alle classi di concorso della scuola dell’infanzia e primaria o a quelle della scuola secondaria.

Titoli accesso classi concorso scuola dell’infanzia e primaria:

– Laurea in Scienze della formazione primaria
– In alternativa, il Diploma Magistrale o il Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico
– è ammesso anche il Diploma sperimentale a indirizzo linguistico purché conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002.


Titoli di studio per la scuola secondaria, di primo o secondo grado:

– una Laurea di Vecchio Ordinamento
– in alternativa, una Laurea Specialistica o Magistrale di Nuovo Ordinamento
– Sono ammessi anche Diplomi accademici di II livello, Diplomi di Conservatorio o di Accademia di Belle Arti Vecchio Ordinamento
– Per i soli ITP (insegnanti tecnico pratici) è invece sufficiente il Diploma di scuola superiore.

classi-di-concorso

I requisiti richiesti dalle classi di concorso

Messa così, sembrerebbe effettivamente che per insegnare basti aver conseguito un titolo di studio tra quelli elencati. Ma se ben ricordi, proprio all’inizio di questa guida abbiamo detto che le cose non sono così semplici.

Certo è vero che una laurea o un diploma danno accesso a diverse classi di concorso associate, ma lo fanno solo “potenzialmente”. Ci sono infatti altri criteri che devi rispettare per poter ricoprire effettivamente il ruolo di insegnante in una determinata disciplina. Qui entra in scena il secondo aspetto fondamentale tra i titoli accesso classi di concorso, ovvero la valutazione del piano studi.

Il piano di studi è l’insieme di esami che hai sostenuto durante il tuo percorso di laurea. Se hai fatto master e corsi, anche questi ti avranno fatto accumulare determinati CFU in diversi Settori Scientifici Disciplinari. Questi ultimi sono facili da individuare: si tratta dei codici SSD che hai trovato di volta in volta associati agli esami che hai sostenuto. 

Ora ti starai chiedendo: cosa c’entrano gli esami con l’accesso all’insegnamento? Beh, ecco la risposta: ogni classe di concorso non stabilisce solo quale laurea o diploma servono a un insegnante, ma anche precisamente quanti CFU nei settori scientifici disciplinari devi aver maturato per insegnare una materia scolastica

Facciamo un esempio pratico: se hai una Laurea Magistrale in Filologia Moderna, hai accesso a diverse classi di concorso. Mettiamo caso che ti interessi insegnare Latino e Greco (classe di concorso A-13). Potrai farlo solo se hai almeno 120 crediti nei settori scientifico disciplinari L-FIL-LET, L-LIN, M-GGR e L-ANT, di cui: 24 L-FIL-LET/02, 24 L-FIL-LET/04, 12 L-FIL-LET/10, 12 L-FIL-LET/12, 12 L-LIN 01, 12 M-GGR/01, 12 L-ANT/02, 12 L-ANT/03. Se ti manca un solo CFU, non sei in possesso dei requisiti per quella classe di concorso, per cui dovrai o ripiegare su altro o integrare i crediti mancanti nel tuo piano studi.

Molti aspiranti docenti credono di poter ricoprire a “pieno titolo” una docenza senza avere in realtà maturato i crediti richiesti da quest’ultima. Ma come avrai capito, la sola laurea non basta, ed è importante esserne consapevoli per non commettere sbagli che potrebbero ostacolare la tua carriera scolastica. Ad esempio, indicando erroneamente di avere accesso a delle classi di concorso quando, in realtà, non è affatto vero.

Scopri se hai i requisiti con la valutazione del piano di studi

Per verificare i requisiti delle singole classi di concorso, tra titoli e crediti, il MIUR ha messo a disposizione diverse tabelle. La tabella A si riferisce a tutti i titoli di laurea, mentre la tabella B fa riferimento ai titoli di diploma, quindi ai diplomati ITP.

Tuttavia, scoprirai da solo che non è così immediato trovare la corrispondenza tra titoli di studio, classi di concorso ed esami sostenuti basandoti su queste tabelle. Ci vuole molta pazienza, per non parlare dell’attenzione che dovrai dedicare alla valutazione del piano di studi.

La verifica del piano studi è l’operazione che ti permetterà di capire se hai i giusti requisiti richiesti dalla classe di concorso a cui desideri accedere. Si tratta di una vera analisi che dovrai effettuare calcolando il numero di CFU per ogni settore scientifico disciplinare, in modo da capire se hai maturato tutti i crediti richiesti da uno specifico insegnamento. L’operazione sarà lunga, soprattutto se, oltre al classico corso di laurea, hai frequentato anche corsi post-lauream (scuole di specializzazione, master universitari etc.) o corsi singoli universitari. 

Per questo Docenti.it ha deciso di semplificare questa fase di verifica e analizzare molto più facilmente i tuoi titoli accesso classi di concorso. Con un pratico tool online, non dovrai più perdere tempo a consultare le varie tabelle rilasciate dal MIUR. Ti basterà inserire il livello di istruzione e la tipologia di laurea e in meno di 20 secondi avrai l’elenco completo delle classi in insegnamento in cui puoi concorrere. 

Per un’analisi ancora più dettagliata, potrai procedere con la valutazione piano studi assistita, che ti permetterà di effettuare con un esperto la verifica dei CFU. In base agli esami svolti durante il tuo percorso curriculare e extra-curriculare, saprai se sei idoneo a insegnare la materia a cui aspiri. E realizzare così il tuo sogno nel cassetto e diventare docente!


Valuta subito il tuo Piano di Studi
author-avatar

Scritto da Andrea Russo

Mi occupo di formazione del corpo insegnante e credo che una didattica efficace sia di aiuto tanto ai docenti quanto agli studenti. Lavoro con Docenti.it per fornire un’adeguata preparazione a tutti gli insegnanti che vogliono cominciare la loro carriera nel mondo scolastico con consapevolezza e competenza.

Altri articoli che possono interessarti