Assunzione precari scuola: mancano docenti di sostegno. Le province
Condividi l'articolo

Le assunzioni precari scuola sono ancora all’inizio: mancano numerosi docenti all’appello, soprattutto quelli di sostegno.

Ecco in quali province vi è più bisogno!

Quanti sono i docenti in Italia?

A settembre il Ministero aveva annunciato i posti istituiti per i docenti nell’a.s. 2022/23:

  • 684.600 posti comuni
  • 186.205 posti di sostegno

Ma, fin da subito, sono stati chiamati più di 200mila supplenti per far fronte alle cattedre vacanti…

In ogni caso, il numero più alto di posti comuni istituiti dal MIUR si incontra nelle regioni del Nord Italia, prima fra tutti la Lombardia, con quasi 100mila posti.

Seguono:

  • Campania: 78.426
  • Sicilia: 63.494
  • Veneto: 50.863
  • Puglia: 49.624
  • Piemonte: 46.599
  • Emilia Romagna: 45.230

Aumentano sempre più le assunzioni precari scuola sul sostegno: una tipologia di posto sempre più ricercata dalle scuole, visto anche l’aumento dei ragazzi bisognosi di assistenza e aiuto.

Assunzione precari scuola: in quali province?

Le assunzioni dei docenti precari, come abbiamo detto, non si sono fermate.

Anzi, le supplenze dell’ultimo minuto sono sempre numerose.
In più, molte cattedre non possiedono ancora un docente titolare.

Le scuole con più possibilità di posto si incontrano al Nord, soprattutto nelle piccole province.

Un dato però importante riguarda i posti di sostegno:

  • Lombardia: 17.043
  • Piemonte: 7.267
  • Veneto: 7.488
  • Emilia Romagna: 7.167
  • Lazio: 12.811
  • Campania: 14.917
  • Puglia: 9.795
  • Sicilia: 13.137

Per questi, vi è ancora disponibilità anche al Sud.

Anzi, bisogna ben specificare che sono i docenti di sostegno quelli più ricercati. Ma le scuole sono in crisi…

Infatti, gli specializzati con il TFA sono sempre meno, perciò le scuole assumono molto spesso da MAD.

Come si fa la MAD per il sostegno?

Lavorare oggi nel mondo della scuola è possibile e più facile attraverso la MAD Sostegno.

Ogni aspirante docente può inviare la Messa a Disposizione: si tratta di una candidatura spontanea da presentare alle scuole per ottenere eventuali incarichi di supplenza.

Per inviare la MAD sul Sostegno non è necessario possedere la specializzazione!

E spesso i docenti assunti non la possiedono, proprio perché le scuole ne hanno disperato bisogno.

Dove presentare la candidatura?

Come abbiamo visto, è preferibile candidarsi al Nord e nelle province minori.

Ci sono però vari posti di sostegno anche al Sud: anche qui il nostro consiglio è inviare la candidatura nelle province più piccole, dove sono pochi i candidati con MAD.

Se è la prima volte che ti approcci alla MAD Sostegno, affidati allo specialista della Messa a Disposizione, Docenti.it!

Grazie alla sapiente guida dei consulenti specializzati, potrai creare una MAD Sostegno perfetta e senza errori da inviare nelle province più giuste per te.

Ecco come funziona:

  1. compila il form online;
  2. ricevi la chiamata dal consulente entro 24 ore lavorative per il controllo dei dati e una consulenza;
  3. aspetta: il consulente invierà subito la MAD alle scuole da te scelte;
  4. ricevi un report con i dati delle scuole che hanno ricevuto la tua candidatura.

Infine, potrai godere della garanzia Soddisfatti o Rimborsati e sarai inserito GRATUITAMENTE nell’Elenco Nazionale Supplenti.

Se vuoi entrare nel mondo scuola come supplente… approfittane!

Le scuole stanno cercando supplenti di sostegno in determinate regioni…

Invia ora la tua MAD SOSTEGNO

Leggi le ultime notizie:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com