Graduatorie supplenze docenti: reclami nomine sbagliate. Come funziona?

Graduatorie supplenze docenti: reclami nomine sbagliate. Come funziona?
Condividi l'articolo

Non sono pochi i problemi che ruotano attorno alle graduatorie supplenze docenti.

Molti docenti hanno riscontrato un problema che riguarda l’algoritmo e l’errata convocazione delle supplenze.

Altri vogliono presentare ricorso perché non hanno ricevuto riscontri dagli Uffici Scolastici riguardo istanze che loro hanno presentato.

In questo articolo vediamo le tempistiche che riguardano questi reclami.

Graduatorie supplenze docenti: il problema delle nomine

Molti docenti si sono chiesti perché chi aveva un punteggio inferiore in graduatoria è stato convocato al posto loro.

Dopo averne parlato in maniera approfondita in questo articolo, abbiamo deciso di concentrarci su un problema che è sorto successivamente: come funziona con i reclami riguardo le istanze presentate?

Questa è una domanda che molti docenti si pongono attualmente.

A questo proposito, alcune precisazioni sono pervenute dagli Uffici Scolastici riguardo i reclami emanati.

Reclami nomine da GPS: i tempi

Molti docenti lamentano il problema dei mancati riscontri degli Uffici Scolastici nei confronti di istanze che loro hanno presentano nei giorni precedenti.

A questo problema ha dato risposta l’Ufficio Scolastico di Avellino:

Il termine per il riscontro alle istanze presentate è fissato dalla legislazione che regola la materia in 30 giorni, prorogabili in caso di motivate esigenze, salvo periodi diversi previsti dai vari regolamenti emanati dalle amministrazioni.

Tanto premesso, pur non escludendo nella maniera più assoluta, a priori, incongruenze da parte del sistema -essendo la procedura di reclutamento per gli incarichi annuali avvenuta in maniera telematica – lo scrivente ufficio tiene a ribadire, ancora una volta che, a seguito di sommari controlli, le istanze pervenute sono quasi tutte infondate per cui il mancato conseguimento del posto reclamato ovvero l’assegnazione su una sede diversa, sono la conseguenza della domanda formulata in maniera non impeccabile, dal momento che il sistema è stato impostato secondo precisi criteri, rigidamente formali.

Fonte: Orizzonte Scuola

Approfondisci l’argomento:

Photo credit: Pixabay.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it