Messa a Disposizione

Messa a Disposizione e GPS: graduatorie quasi esaurite. Che fare?

Novità sul fronte Messa a Disposizione e GPS.

Alcuni istituti del nord Italia stanno esaurendo le graduatorie.
Iniziano già le convocazioni dalle domande di Messa a Disposizione.

E tu?
Hai già inviato la MAD o ci stai ancora pensando?

Messa a Disposizione e GPS: mancano insegnanti

Alcuni istituti, soprattutto al nord Italia, stanno già esaurendo le graduatorie.

Lo sapevi?

Parte del personale scolastico di queste scuole sta svolgendo supplenze anche su altre cattedre per coprire i posti mancanti.

Questo perché?

Perché molti sono stati i docenti già convocati da GPS ma altrettanti ne mancano per coprire le cattedre rimaste vuote.

Come si prospettava fin dall’inizio, la scuola ha bisogno costantemente di docenti.
Specialmente in questo periodo storico, dove troviamo: da un lato, la richiesta di organico Covid, dall’altro il limite imposto dal Green Pass obbligatorio per tutto il personale scolastico.

La questione dei no-vax ha ingrossato le fila dei docenti “assenti”, in quanto alcuni di questi si sono licenziati per non acconsentire a questa imposizione.

Questo sta creando un ulteriore vuoto di cattedre da colmare.

E in che modo è possibile assumere personale scolastico se le graduatorie si stanno esaurendo?

Esatto.
Inviando la domanda di Messa a Disposizione.

Invia la MAD: ottieni un incarico di supplenza

Gli istituti che stanno esaurendo le graduatorie hanno incominciato a convocare il personale scolastico tramite le domande di Messa a Disposizione che hanno ricevuto e che, tutt’ora, stanno ricevendo.

Infatti, nonostante la circolare del Miur che vietava a chiunque fosse iscritto in GPS di mandare la MAD, le scuole si sono trovate a convocare, anche quest’anno, docenti dalle domande di Messa a Disposizione.

Per questo, è veramente importante che tu invii la tua domanda di Messa a Disposizione.

Vorresti entrare nel mondo della scuola ma hai paura che sia troppo tardi?

Come puoi ben vedere, non lo è.

Invia la tua MAD online

Se vuoi approfondire l’argomento, leggi anche:

Photo credit: Pexels.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *