Messa a Disposizione

La Messa a Disposizione funziona davvero?

La Messa a Disposizione funziona davvero?

È davvero possibile trovare lavoro nella scuola inviando la MAD?

Con questo articolo vogliamo rispondere ad un dubbio che molti docenti hanno, riguardo la domanda di Messa a Disposizione.

La Messa a Disposizione funziona: come?

La domanda di Messa a Disposizione (MAD) è un curriculum che un docente o un aspirante personale ATA può inviare alle scuole per candidarsi per una supplenza.

A conti fatti, la domanda di Messa a Disposizione è sicuramente una grande opportunità per entrare nel mondo della scuola.

Ma non tutti la vedono allo stesso modo.

Alcuni, infatti, reputano che la domanda di Messa a Disposizione non serva a nulla: che rappresenti uno spreco di tempo (e di denaro).

Con questo articolo vogliamo dimostrare proprio il contrario.

Esistono infatti moltissimi docenti o neo-laureati che sono riusciti a trovare lavoro nell’ambito scolastico inviando la MAD agli istituti.

Sapete perché lo sappiamo?

Perché noi di Docenti.it li abbiamo aiutati in questa impresa.
Con oltre 6 anni di esperienza alle spalle, la nostra piattaforma ha aiutato migliaia di docenti a compilare e inviare la propria MAD agli istituti.

Chi compila e invia la MAD con il nostro servizio ha la certezza che la sua candidatura arrivi direttamente nelle caselle degli istituti scolastici, corretta in ogni errore di compilazione e totalmente priva di errori.
Già questo è un ottimo punto di partenza.

Infatti, forse non lo sai, ma le domande di Messa a Disposizione che arrivano agli istituti infarcite di errori non vengono proprio considerate dai Dirigenti Scolastici.

Per questo motivo è importante avere chi si occupa, al posto tuo, di renderle idonee, per fare in modo che vengano notate in mezzo alle altre milioni di candidature.

Oltre a questo, grazie al servizio di Docenti.it verrai inserito gratuitamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma consultata da oltre 12mila istituti, sia pubblici sia privati.

Sono in molti ad aver inviato la MAD con noi. E in molti hanno trovato un’occupazione nel mondo scuola, anche per tutta la durata dell’anno scolastico.

Hai ancora dubbi?

Prova a leggere le testimonianze di chi ce l’ha fatta.

Messa a Disposizione chi può farla?

Rispondiamo qui ad un’altra domanda, molto più frequente di quanto non sembri.

Chi può fare la domanda di Messa a Disposizione?

Per candidarsi come personale ATA (personale amministrativo, tecnico e ausiliario degli istituti scolastici), è necessario essere in possesso almeno di un diploma, per poter inviare la MAD.

Per quanto riguarda il mondo dei docenti, per candidarsi con la MAD occorre avere una laurea Magistrale che dia accesso almeno ad una classe di concorso.

Ci si può candidare con una MAD anche avendo solo una laurea Triennale, ma è corretto specificare quanto segue.
Con una laurea Triennale le possibilità sono nettamente inferiori rispetto ad una Magistrale.

Chiarito anche questo dubbio, passiamo al prossimo.

Messa a Disposizione: dove farla?

Un’altra domanda molto frequente tra chi intende approcciarsi alla MAD è la seguente.

Dove è consigliabile farla?

I nostri consulenti consigliano sempre di seguire questa strada: è preferibile inviare la MAD nel nord Italia e nelle province più piccole.

Questo per due motivi:

  • Al sud Italia c’è moltissima richiesta per lavorare nel settore pubblico. Di conseguenza, le candidature inviate agli istituti sono molte di più rispetto al nord;
  • Nelle province più grandi ci sono molti più istituti, questo è vero: ma, di conseguenza, c’è anche molta più richiesta.
    Per questo, è preferibile inviare la MAD nelle province minori.

Oltre a consigliare i clienti, i nostri consulenti sanno anche accompagnarli lungo tutto il percorso di compilazione e invio della domanda di Messa a Disposizione.

La Messa a Disposizione funziona.
Ti consente di entrare nel mondo della scuola.

Invia la tua MAD online

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Photo credit: Unsplash.

Altri articoli che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *