Immissioni in ruolo 2022: come funziona il sistema di preferenze
Condividi l'articolo

A breve partono le immissioni in ruolo e gli aspiranti docenti potranno presentare la propria istanza di partecipazione.

Come funzionano le preferenze?

Procedura per le immissioni in ruolo

Per conoscere il numero esatto dei posti da destinare alle immissioni in ruolo, bisogna attendere il MEF, la pubblicazione del decreto ministeriale.

Il Ministro Bianchi aveva annunciato giorni fa un numero possibile di 65.000 posti.

Le immissioni in ruolo si costituiscono attingendo per il:

  • 50% dalle graduatorie ad esaurimento;
  • 50% dalle graduatorie di merito concorsuali.

Inoltre dalle graduatorie concorsuali si procede seguendo l’ordine di svolgimento delle diverse procedure e secondo diverse percentuali.

La procedura è informatizzata: le domande vanno presentate su Istanze Online a cui accedere con le credenziali di SPID, CIE, eIDAS o dell’area riservata del Ministero dell’Istruzione.

Le fasi

Sono previste due fasi per la presentazione di due differenti istanze, secondo quanto indicato.

Gli Uffici scolastici regionali di riferimento pubblicheranno gli avvisi con le indicazioni sul numero di aspiranti che possono presentare istanza (i convocati sono di più dei posti da assegnare).

Domande da presentare: quante?

Per le immissioni in ruolo sono da presentare due domande:

Le due domande da presentare sono le seguenti:

  1. “Informatizzazione Nomine In Ruolo – Espressione preferenze provincia-classe di concorso/tipo posto”

Per indicare l’ordine preferenziale di province/classe di concorso/tipo di posto, ovvero:

  • l’aspirante incluso nelle GM seleziona, in ordine di preferenza, le province in cui ha svolto il concorso, insieme alla classe di concorso/tipo di posto. Quindi in quale classe di concorso/posto e provincia intende essere assunto in ordine di priorità (l’aspirante presente in due GM, sceglie a quale delle due dare precedenza, indicando anche l’ordine preferenziale delle province);
  • l’aspirante incluso nelle GaE seleziona soltanto la classe di concorso/tipo di posto (l’aspirante inserito un due diverse GaE, indica a quale delle due vuol dare precedenza).

2. Informatizzazione Nomine In Ruolo – Espressione preferenze sede”

La seconda domanda viene presentata dai candidati a cui è stata assegnata la provincia/insegnamento, cioè sono già stati individuati per l’assunzione in ruolo.

In questo caso l’aspirante segnala l’ordine di preferenza delle sedi/scuole disponibili in cui essere assegnato.

Preferenze per due procedure concorsuali

Nel caso in cui si fossero superate due procedure concorsuali come ADSS e EEEE, è possibile esprimere la preferenza per una delle due procedure.

Questo quanto indicato nella guida pubblicata dal MI e relativa alla prima istanza:

Il sistema prospetterà tutte le province e tutti gli insegnamenti per cui l’utente dovrà esprimere il proprio gradimento ai fini di un’individuazione per le nomine in ruolo. L’utente dovrà esprimere il proprio gradimento assegnando l’ordine di preferenza, utilizzando le frecce su e giù per spostare gli elementi dell’elenco. La medesima indicazione (e non poteva essere altrimenti) è stata fornita dall’USR Veneto: i docenti indicheranno la priorità fra le diverse procedure concorsuali e le province.

Invece per quanto riguarda le classi di concorso e le province non indicate nell’istanza di partecipazione alla procedura saranno considerate oggetto di rinuncia irrevocabile.

Seguiranno aggiornamenti.

Leggi anche:

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Francesca Renzetti

Mi occupo di copywriting dal 2007. Inizio il mio viaggio dal web per poi approdare a tutte le sfumature di questa professione: dalla realizzazione di testi per depliant o brochure, all’ideazione di campagne pubblicitarie, ai testi di radiocomunicati e articoli redazionali. In particolare scopro che mi piace comunicare l’anima di un Brand ed usare le parole per farlo vibrare nelle persone!