MAD sostegno: ecco perché le scuole necessitano sempre di supplenti

MAD sostegno: ecco perché le scuole necessitano sempre di supplenti
Condividi l'articolo

Perché è così importante candidarsi con una MAD sostegno nelle scuole?
E come mai vi è sempre più richiesta di supplenti per questo ruolo?

Se sei un aspirante docente e vuoi aumentare le tue possibilità di ottenere incarichi di supplenza, continua a leggere.

Diventare supplente: perché candidarsi sul sostegno?

Gli istituti sono sempre alla ricerca di supplenti.

Per quanto questa frase possa sembrarti poco veritiera o addirittura fasulla, sappi che non la è affatto.

Gli istituti scolastici sono sempre a caccia di supplenti che possano ricoprire le cattedre vacanti.
Sopratutto in determinati periodi dell’anno e soprattutto per determinati ruoli.

Ti togliamo subito ogni dubbio:

uno dei periodi dell’anno scolastico in cui gli istituti stanno convocando i supplenti
riguarda questo momento presente
e uno dei ruoli dove le scuole hanno sempre bisogno di docenti è quello del sostegno.

Adesso ti spieghiamo meglio il perché.

Gli istituti scolastici stanno convocando supplenti in questo momento storico perché sono ancora molto frequenti i contagi da Covid-19: ancora molti docenti, infatti, sono costretti in casa, impossibilitati nell’andare a lavoro e questo costringe gli istituti a dover mettere in atto delle sostituzioni di personale.

Inoltre, una delle necessità sempre impellente che hanno gli istituti scolastici
è quella di trovare supplenti sul sostegno da convocare.

E perché accade questo?

Le scuole hanno sempre necessità di supplenti sul sostegno in quanto sono sempre meno i docenti specializzati per questo ruolo (ovvero: insegnanti che abbiano conseguito il TFA sostegno e che posseggano l’abilitazione a ricoprire questi incarichi).

Questo è il motivo per il quale, se sei un aspirante docente e vuoi davvero aumentare le tue possibilità
di ottenere incarichi nelle scuole,
dovresti aprirti alla possibilità di candidarti anche sul sostegno.

Invia ORA tua MAD qui

Quale Classe di Concorso è necessaria?

Candidarsi sul sostegno con una domanda di Messa a Disposizione
non richiede l’aver conseguito un titolo che dia accesso ad una Classe di Concorso specifica.

Infatti, se per diventare insegnante di sostegno ed occupare la dovuta cattedra è necessario aver conseguito l’abilitazione adeguata, per ricoprire incarichi di supplenza su questo ruolo non è necessario possedere un titolo di studio specifico.
Questo anche perché, solitamente, gli incarichi di supplenza perdurano per breve tempo.

Per questo motivo, capita spesso che molti aspiranti docenti che hanno conseguito titoli di studio diverso
(che conferiscono accesso a CdC molto sature, che non danno possibilità di ricoprire incarichi di supplenza) decidano di candidarsi anche sul sostegno e non solo sulla propria Classe di Concorso.

Questo consente (molto spesso) ad aspiranti docenti di ottenere incarichi di supplenza sul sostegno, anche se per breve tempo.

Ci teniamo a ribadire un concetto fondamentale: nell’incitarti a candidarti anche sul sostegno non vogliamo assolutamente sminuire questo ruolo.

Sappiamo che si tratta di un ruolo molto delicato: ricoprire un incarico sul sostegno non è da tutti.
Infatti, per poter ottenere una cattedra vera e propria è necessario conseguire l’abilitazione.

Per quanto riguarda le supplenze, spesso avviene che alcuni candidati che non hanno mai ricoperto incarichi su questo ruolo si dimostrino molto portati nell’avere a che fare con determinate situazioni.

Di conseguenza, non vogliamo sminuire il ruolo dell’insegnante di sostegno…
… Ma nemmeno escludere che alcuni aspiranti docenti (non ancora idonei) possano effettivamente ricoprire questo incarico nella maniera più consona ed adeguata possibile!

MAD sostegno

MAD sostegno: chi può farla?

Come abbiamo già sottolineato nel paragrafo precedente, la domanda di Messa a Disposizione sul sostegno può essere inviata anche da chi non ha ancora l’abilitazione per questo ruolo.

Infatti, non è necessario possedere un titolo che dia accesso ad una Classe di Concorso specifica.

Per questo motivo, ti consigliamo di tenerti aperta questa possibilità.

Vuoi entrare nel mondo scuola come supplente?
Hai già inviato la MAD svariate volte su diverse CdC senza riuscire mai ad ottenere un incarico?

Allora…

Invia ORA tua MAD SOSTEGNO qui

Come inviarla

Veniamo ora al dunque.

Come puoi candidarti con una MAD sostegno e aumentare la tua possibilità di ottenere incarichi?

Se sei arrivato sul nostro blog sicuramente non è per caso.
Magari conoscevi già Docenti.it, oppure hai già letto altri articoli del nostro blog.

Qualunque sia il motivo che ti ha spinto a leggere proprio il nostro articolo, vogliamo parlarti della nostra realtà e di come aiuti da oltre 6 anni neolaureati e aspiranti docenti ad entrare nel mondo scuola.

In che modo?

Con la domanda di Messa a Disposizione.

Ti riepiloghiamo qui quali sono i vantaggi che avrai nell’usufruire del nostro servizio di Invio MAD online:

Il nostro servizio prevede:

  • la telefonata del consulente entro 48h lavorative dopo la compilazione della MAD direttamente in piattaforma;
  • l’invio automatico della domanda direttamente a tutti gli istituti della provincia scelta dal candidato;
  • la presenza di un report, che il candidato riceverà e dove saranno indicati i nomi e i contatti di tutti gli istituti che hanno ricevuto la domanda di Messa a Disposizione;
  • la presenza della garanzia Soddisfatti o Rimborsati: in caso non dovessi ricevere il servizio adeguato, sarai rimborsato.

Inoltre, Docenti.it ti inserisce direttamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma che conta più di 12mila istituti privati e pubblici, sempre a caccia di supplenti da arruolare.

Docenti.it ha aiutato già migliaia di docenti e aspiranti ad entrare nel mondo scuola.

Il prossimo potresti essere tu.

Ti può interessare?

Invia ORA tua MAD SOSTEGNO qui

Contatta la redazione!

Vuoi avere maggiori informazioni su come fare per inviare la tua MAD sostegno con Docenti.it?

Scrivi alla nostra redazione: [email protected]
Riceverai risposta nel breve tempo.

Vuoi rimanere aggiornato sull’argomento supplenze scuola?
Leggi anche:

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it