Messa a Disposizione: quale CdC serve per candidarsi sul sostegno?
Condividi l'articolo

La richiesta di supplenti sul sostegno è sempre molto alta.

Per questo è importante considerare anche questo aspetto, ogni volta che decidi di candidarti con la domanda di Messa a Disposizione nelle scuole.

Vediamo quale Classe di Concorso serve per candidarsi con una MAD sostegno.

Messa a Disposizione: richiesti docenti di sostegno

La richiesta di docenti sul sostegno è sempre molto alta nelle scuole italiane.

Questo è un dato di fatto abbastanza conosciuto,
in quanto mancano moltissimi docenti in possesso dell’abilitazione specifica
per insegnare sul sostegno (il TFA sostegno).

Per questo motivo, le scuole sono sempre a caccia di supplenti da inserire per questo ruolo.
Una ricerca che non sempre porta ai risultati sperati.

Questo perché ci sono molti aspiranti che non se la sentono di ricoprire un ruolo così delicato (in quanto non hanno le competenze specifiche per poterlo fare).

In realtà, forse molti non sanno che ai “principianti” che si candidano sul sostegno per le prime volte, non vengono quasi mai affidati casi più seri, che sono per l’appunto di competenza di docenti già formati ad affrontarli.

Per questo motivo, ogni qualvolta che un aspirante docente decide di candidarsi con la MAD utilizzando la nostra piattaforma, i nostri consulenti consigliano sempre di inviare la domanda anche per il sostegno.

Con questo noi non vogliamo assolutamente sminuire l’importanza (e la competenza necessaria)
per il ruolo dell’insegnante di sostegno.


Sappiamo che si tratta di un ruolo delicato che non tutti sono adatti a ricoprire.

Semplicemente, vogliamo riservare ai nostri aspiranti docenti maggiori possibilità di entrare nel mondo scuola.

E la strada del sostegno rappresenta, in questo momento, una delle più percorribili per ottenere incarichi.

Invio MAD: quali requisiti sono necessari?

Generalmente, l’invio della domanda di Messa a Disposizione richiede determinati requisiti.

Ad esempio:

  • per il personale ATA, è richiesto il Diploma;
  • per l’insegnamento, è richiesta una Laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento che dia accesso ad almeno una Classe di Concorso.

Questi sono i requisiti generali richiesti per l’invio della domanda alle scuole.

Ci sono però altri fattori che determinano la convocazione dagli istituti, per quanto riguarda la MAD.

Ad esempio, l’inviare la domanda nei periodi migliori dell’anno scolastico
(puoi scoprire quali sono QUI), oppure
il candidarsi con una Classe di Concorso più ricercata.

In un articolo dedicato abbiamo infatti parlato della necessità di candidarsi nelle scuole per quelle Classi di Concorso più rare, evitando, invece, quelle più sature (questo riguarda tutti quei laureati che possiedono un titolo che conferisce accesso a più Classi di Concorso).

Esiste poi un altro fattore da considerare: il fatto che ci sono periodi durante i quali gli istituti non seguono la regola dei requisiti alla lettera.
Periodi durante i quali la richiesta di docenti è talmente elevata che le scuole si ritrovano costrette a convocare anche supplenti sprovvisti dei requisiti di cui abbiamo parlato prima.

Stiamo parlando di tutti gli aspiranti che vengono convocati come supplenti anche se solo in possesso di un Diploma o di una Laurea triennale.

È già accaduto in passato e sta accadendo anche ora, soprattutto in questo periodo dell’anno scolastico.

Perché?

Prima di tutto, perché…

Nel mese di agosto-settembre, le segreterie scolastiche riaprono i battenti
per ricercare i supplenti da inserire in organico.

Parliamo di agosto e settembre in quanto QUESTO rappresenta il periodo migliore
per inviare la MAD e candidarsi nelle scuole
.

Messa a Disposizione

Ogni anno, a settembre, molte scuole si ritrovano così sprovviste di docenti da convocare aspiranti anche senza i titoli necessari per insegnare: ovvero, aspiranti in possesso solo del Diploma o della Laurea triennale.

È il caso di Lorenzo, 23enne laureando in Matematica, convocato ad insegnare sulla sua materia, dopo aver inviato la MAD con la nostra piattaforma.

E ancora, il caso di Elisa, laureata triennale in Lettere Moderne, che ha ottenuto una convocazione in un giorno, dopo aver inviato la sua candidatura con noi.

Dal momento che non sono stati gli unici ad essere convocati anche se sprovvisti di requisiti, questo è il motivo per il quale ti consigliamo di candidarti in questo momento con la domanda di Messa a Disposizione.

Sei un diplomato o un neolaureato e stai cercando opportunità nel mondo dell’insegnamento?

Questo è il momento migliore per inviare la tua candidatura!

invia ora la tua MAD

La Classe di Concorso per sostegno: quale?

Ma torniamo ora a parlare delle cattedre mancanti sul sostegno e di come puoi fare per candidarti per questo ruolo.

In questo paragrafo veniamo al nocciolo del problema:

quale Classe di Concorso serve per candidarsi con una MAD sostegno?

La risposta è molto semplice: nessuna.

Infatti, come ti abbiamo già indicato in precedenti articoli quali sono le CdC più sature (sulle quali non conviene inviare la propria candidatura) e quali sono le più rare (con le quali potresti ottenere incarichi di supplenza), allo stesso modo vogliamo essere abbastanza schietti da dirti quanto segue:

non esiste una Classe di Concorso specifica
per candidarsi sul sostegno con la domanda di Messa a Disposizione.

Anzi, come spesso accade, ci sono aspiranti docenti che compilano la MAD sulla nostra piattaforma e, non avendo una Laurea magistrale, ci chiedono come possono fare per candidarsi nelle scuole senza una Classe di Concorso.

È in questo caso che i nostri consulenti consigliano sempre di tenersi aperta la possibilità di candidarsi per il sostegno.

Lo ripetiamo a scanso di equivoci: questo accade non perché svalutiamo questo ruolo.
Assolutamente.

I nostri consulenti cercano semplicemente di consigliare la migliore strategia
per fare i modo che gli aspiranti docenti che si rivolgono a noi riescano, finalmente,
ad ottenere incarichi di supplenza.

Fermo restando quanto segue: se un aspirante non se la sente di candidarsi sul sostegno, è liberissimo di non farlo.

Ma questa possibilità rimane aperta per chiunque voglia coglierla.

E proprio per aprire questa possibilità ai più, noi di Docenti.it abbiamo deciso di attivare una PROMO.

Questa PROMO ti consente di richiedere una MAD sostegno a 12 euro anziché 19 per provincia e grado di istruzione.

Attiva ora la PROMO MAD SOSTEGNO

Siamo quasi alle battute finali, ma…

… Abbiamo ancora qualcosa da dirti.

Ci teniamo a riepilogarti i vantaggi che otterrai se deciderai di affidarti al nostro servizio di Invio MAD online.

Il nostro servizio prevede:

  • la telefonata del consulente entro 48h lavorative dopo la compilazione della MAD direttamente in piattaforma;
  • l’invio automatico della domanda direttamente a tutti gli istituti della provincia scelta dal candidato;
  • la presenza di un report, che il candidato riceverà e dove saranno indicati i nomi e i contatti di tutti gli istituti che hanno ricevuto la domanda di Messa a Disposizione;
  • la presenza della garanzia Soddisfatti o Rimborsati: in caso non dovessi ricevere il servizio adeguato, sarai rimborsato.

Inoltre, Docenti.it ti inserisce direttamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma che conta più di 12mila istituti privati e pubblici, sempre a caccia di supplenti da arruolare.

Sei un neolaureato o un aspirante docente?
Vorresti entrare nel mondo scuola ma non sai come orientarti?

Non avere più dubbi e…

invia ora a tua MAD

Vuoi rimanere aggiornato su altre notizie riguardo la Messa a Disposizione?
Leggi anche:

Photo credit: Pixabay.

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it