Messa a Disposizione: la nota del Miur viene tolta? Esito dell’incontro con i sindacati
Condividi l'articolo

La nota del Miur che limita l’invio Messa a Disposizione agli iscritti in GPS è stata ritrattata?

Fino a poco fa, chi era inserito in graduatoria GPS non poteva inviare la MAD.
Ma qualche giorno fa sindacati e Miur si sono incontrati per affrontare alcuni problemi che riguardano le assunzioni docenti: questo era uno dei problemi più importante da trattare!

Che cosa è cambiato durante questo incontro?

Riunione Miur e sindacati: le ultime notizie

Risale a qualche giorno fa l’ultima riunione svoltasi tra Miur e sindacati.

All’ordine del giorno, le seguenti problematiche da affrontare:

  • il malfunzionamento dell’algoritmo riguardo le graduatorie GPS;
  • e la nota del Miur, che bloccava l’invio delle MAD agli iscritti in graduatoria.

Qual è stato il risultato di questa riunione?

Secondo fonti certe, con la riunione è stata ribadita l’intenzione da parte del Ministero di modificare il funzionamento dell’algoritmo.

Peccato che…

Questa decisione non riguarderà le supplenze di quest’anno.
Tutto è rimandato al prossimo anno scolastico.

E per la domanda di Messa a Disposizione?

A questo riguardo, non trapelano notizie.
Di conseguenza, siamo portati a pensare che nulla sia cambiato.

E che la nota sia rimasta lì, al suo posto, senza essere minimamente toccata.

Malfunzionamento algoritmo: qual è il problema?

Lo spinoso problema che riguarda l’attribuzione delle supplenze tramite algoritmo è il seguente: i docenti inseriti in GPS hanno espresso le preferenze (come sappiamo, massimo 150 tra analitiche  e sintetiche) con una scelta “al buio“, non sapendo quali cattedre sarebbero state disponibili per una supplenza.

E ora l’algoritmo, una volta arrivato il turno di nomina del docente, analizza l’incrocio tra preferenze e cattedre esistenti: e in caso di più turni di nomina, il docente con punteggio più alto si ritrova ad essere scartato perché risulta una “disponibilità sopraggiunta“.

La cosa incredibile dell’intera faccenda, quindi, è che a rimetterci di più sono proprio quei docenti con una buona posizione in graduatoria, che hanno partecipato ad un primo turno con poche disponibilità.

A questo punto, nulla è possibile fare, dal momento che il Miur ha deciso di intervenire sulla faccenda… il prossimo anno.

Una decisione della quale sicuramente gli aspiranti docenti che concorrono per le graduatorie non saranno felici.

Oltre alla faccenda che riguarda l’invio della domanda di Messa a Disposizione per gli iscritti in graduatoria GPS.

Altro problema spinoso e di non immediata risoluzione, a quanto pare.

Messa a Disposizione

Chi è iscritto in GPS può inviare MAD 2022?

Allora, per quanto riguarda questo spinoso dubbio, dobbiamo affermare che la questione a riguardo, purtroppo, non è cambiata.

Il problema rimane: la nota del Miur che limita l’invio della domanda di Messa a Disposizione per gli iscritti in GPS è ancora valida.

A differenza di quanto avvenuto l’anno scorso, quest’anno il Miur non sembra intenzionato a ritrattare sulla nota: di conseguenza, questo limita di molti tutti gli aspiranti docenti che sono inseriti in graduatoria GPS e vorrebbero candidarsi anche con la MAD.

Il che è assurdo, se ci pensa: questo perché, attualmente, le scuole hanno esaurito le graduatorie e stanno già convocando mediante interpelli e domande di Messa a Disposizione.

Inviare MAD se iscritti in GPS: da quando sarà possibile?

Questo non si sa.

Ma, dobbiamo guardare al problema con assoluta franchezza e con occhio critico: dal momento che ci troviamo già a metà ottobre, è molto difficile che la nota venga ritrattata adesso.

Che fare, quindi?

Dal momento che siamo di fronte ad una vera e propria ingiustizia, che coinvolge gli aspiranti docenti in un momento di forte crisi economica e sociale, noi consigliamo sempre di avvantaggiarsi, tentando il tutto e per tutto per aumentare le proprie possibilità di una convocazione.

Come abbiamo più volte detto, la nota del Miur non è un decreto legge ma è solo una nota: di conseguenza, non sono previste sanzioni per chi sceglie ugualmente di candidarsi con una MAD anche se iscritto in GPS.

Quindi, il consiglio che noi diamo è questo: se vuoi ottenere una supplenza ma sei iscritto in GPS e non sai come muoverti… cerca di fare la scelta migliore per te stesso!

Devi valutare tu che cosa sia meglio fare per te: se sei iscritto in GPS ma non hai ancora ricevuto una convocazione, se te la senti, ti candidi anche con una MAD.

Altrimenti, se trovi che questa scelta non sia giusta… non saremo certo noi a convincerti del contrario!

Noi possiamo solo dirti le cose come stanno e lo abbiamo già fatto:
la decisione finale la devi prendere tu.

Se vuoi... puoi compilare la tua MAD qui

Leggi le ultime notizie:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it