Messa a Disposizione: posso inviare la MAD in più province?
Condividi l'articolo

Una delle domande più comuni che i docenti attualmente ci pongono è: posso inviare la Messa a Disposizione in più province?

Vediamo cosa dice il regolamento.

Domanda di Messa a Disposizione: le intenzioni del Miur

Non è un periodo facile, per i nostri neolaureati e aspiranti docenti.

Con la riforma Bianchi ormai a piede libero e le graduatorie chiuse almeno per i prossimi due anni,
ottenere una supplenza non sembra più così… semplice.

In questo panorama di incertezze, i nostri aspiranti docenti nuotano senza sosta, sperando, prima o poi, di trovare un salvagente che li riconduca a riva.

Per molto tempo, questo salvagente è stato incarnato dalla domanda di Messa a Disposizione.

Come sappiamo tutti, questo utile strumento consente, tutti gli anni,
a moltissimi docenti e aspiranti di ottenere incarichi di supplenza per breve o lungo termine.

Ma…

Anche sul panorama Messa a Disposizione, la faccenda sembra complicarsi, ogni anno, sempre di più.

Infatti, mesi e mesi fa, quando il nuovo reclutamento docenti di Patrizio Bianchi iniziava ad albeggiare sulla linea dell’orizzonte, già il Miur aveva messo in chiaro le sue future intenzioni riguardo la domanda di Messa a Disposizione.

Il Ministero dell’Istruzione, infatti, aveva anticipato il suo intento di limitare di molto
il ruolo della MAD nel futuro prossimo.

E questo è stato già confermato dal regolamento, emesso l’anno scorso e che riguarda proprio l’invio della domanda di Messa a Disposizione per i docenti già inseriti nelle graduatorie GPS e in quelle di Istituto.

Che cosa dice l’O.M. emessa nell’estate scorsa?

Supplenze 2021/22: cosa dice il regolamento

In questi giorni, il nostro centralino è stato sommerso di telefonate, messaggi ed e-mail, tutti recanti lo stesso dubbio:

posso inviare la mia domanda di Messa a Disposizione in più province?

Questo dubbio è lecito per due motivi:

  • prima di tutto, come diciamo sempre, il mondo scuola è talmente complicato e le regole cambiano talmente spesso, che è inevitabile incorrere in dubbi e domande continue;
  • il secondo motivo riguarda proprio l’Ordinanza Ministeriale della quale stavamo parlando nel paragrafo precedente.

Attualmente, il solo regolamento che “regola” l’invio delle domande di Messa a Disposizione
per gli iscritti in graduatoria è quello emesso l’anno scorso.

Ovvero: l’O.M. che riguarda le supplenze 2021/22.

E che cosa ci dice a riguardo?

Con la circolare n. 25089 del 6 agosto 2021 il Miur aveva fornito le istruzioni e indicazioni in materia di supplenze al personale docente, educativo ed ATA per l’a.s. 2021 – 2022.

In questa circolare, il Miur stabiliva che i Dirigenti Scolastici, una volta esaurite le graduatorie GPS e GI, avrebbero potuto convocare i candidati con la domanda di Messa a Disposizione.

Con la successiva nota n. 29502 del 27 settembre 2021,
il Miur estendeva la possibilità di candidarsi con la MAD anche agli aspiranti inseriti in graduatoria.

Questo è accaduto a causa della carenza enorme di personale docente negli istituti, rilevato nel mese di settembre, a inizio dell’anno scolastico.

Ma questa nota esplicava anche quanto segue:

la domanda di Messa a Disposizione si può presentare in una sola provincia,
che deve essere espressamente indicata nella domanda.

Di conseguenza, fermo restando che questo regolamento resta in vigore per le supplenze 2021/22, agli aspiranti docenti che nutrono questo dubbio, noi non possiamo fare altro che rispondere in maniera onesta e sincera.

Messa a Disposizione

Messa a Disposizione: come inviarla

Una volta chiarito questo punto, veniamo ora a dare qualche consiglio in più su come inviare la propria domanda di Messa a Disposizione e candidarsi nelle scuole.

Come già saprai, per candidarsi nelle scuole con la domanda di Messa a Disposizione ci sono due vie che puoi seguire:

  • la prima consiste in un invio autonomo della tua domanda;
  • la seconda, in un invio automatico e professionale, attraverso una piattaforma specifica, supportata da un team di professionisti del settore.

Vediamo di fare le dovute distinzioni tra le due strade perseguibili.

Invio MAD autonomo

Inviare la MAD in autonomia significa perseguire una strada solitaria, che ti condurrà ad un’elaborazione e ad un invio autonomo della tua domanda.

Come già saprai, gli istituti ormai accettano le candidature spontanee
tramite la compilazione di un form specifico, sui loro siti.

Questo significa che, se vorrai avvalerti di questo sistema e inviare la tua MAD in maniera autonoma, dovrai fare tutto da solo: sarai tu a dover cercare ogni sito di ogni istituto della provincia da te scelta.

E su ognuno di essi, dovrai compilare la tua MAD e inviarla.

Questo sistema può andare più che bene nel momento in cui tu decidi di candidarti solo su alcune scuole: ma qualora tu decidessi di candidarti su una provincia enorme (come Milano o Firenze), beh, in questo caso…

La faccenda si complicherebbe e anche di molto.

Pensa a quanto tempo impiegheresti a cercare tutti gli istituti distribuiti su quella provincia (e sono migliaia): pensa a quanto tempo (ed energia) sprecheresti nell’affannarti a compilare e inviare la tua MAD in tempo per la riapertura delle scuole.

Ci impiegheresti un mese (a voler essere ottimisti!).

Ma non è finita qui: perché questa non è la sola pecca che riguarda un invio MAD autonomo.

L’altra te la illustriamo subito.

Dunque, questo sistema è gratuito:
lo diciamo per correttezza e anche perché non abbiamo nulla da nascondere.

Però, ti diciamo anche che c’è un motivo se è gratuito:
perché, purtroppo, inviare la tua MAD in maniera autonoma equivale ad un rischio molto alto di errore.

Questa possibilità è concreta e reale, non è solo una nostra fantasia momentanea che condividiamo con te nella speranza che tu scelga di inviare la tua MAD con noi.

Te lo diciamo proprio perché siamo dei professionisti e, in oltre 7 anni di attività, abbiamo visto molte candidature piene zeppe di errori arrivare in maniera autonoma sulle scrivanie delle segreterie scolastiche ed essere… cestinate.

Eliminate. Come se niente fosse.

Infatti, commettere errori nella compilazione della propria domanda equivale proprio a questo:
a non ottenere convocazioni dalle scuole.

Pensi che a te non potrebbe mai succedere?
Oppure, forse, come molti pensi che sia veramente difficile arrivare a sbagliare nella compilazione della MAD.

Ma non è così.
In realtà, è veramente facile cadere in errore.

È facile sbagliare a compilare questo documento.
Esattamente come è facile sentirsi confusi nella scelta di quale sia la domanda più opportuna con la quale candidarsi.

Scopri quale MAD dovresti inviare

Quale domanda dovresti inviare per il tuo titolo di studi?
Quale MAD si sposa meglio per la tua Classe di Concorso?

Queste sono tutte domande che tu dovresti farti.

Sai quale MAD ti consentirebbe di avere maggiori possibilità di ottenere incarichi?

Ma soprattutto, dovresti chiederti…

Sei veramente disposto a rischiare di sbagliare nella compilazione o nella scelta della domanda giusta da inviare…

… Quando con soli 19 euro potresti avere al tuo fianco un team di professionisti,
in grado di affiancarti nell’intero processo ed evitarti di commettere errori
che potrebbero compromettere la tua convocazione?

E questo è quello che scoprirai qui.

Messa a Disposizione

Invio MAD con Docenti.it

Docenti.it è una piattaforma specializzata nell’invio della domanda di Messa a Disposizione
da oltre 7 anni.

Questo significa che, in tutto questo tempo, abbiamo aiutato migliaia di aspiranti docenti, neolaureati o diplomati ad ottenere convocazioni nel mondo scuola.

La nostra esperienza è enorme e altrettanto grande è la voglia e la disponibilità dei nostri consulenti nell’aiutare te, e tutti gli aspiranti docenti, ad entrare nel mondo scuola.

Sappiamo che la realtà scolastica è dura e non lascia scampo.
Lo sappiamo talmente bene che abbiamo deciso di fare di questo la nostra missione: aiutarti a muovere i primi passi nel mondo scuola.

Senza trucchetti o strategie.

Semplicemente, mostrandoti, in maniera concreta, cosa possiamo fare per te:

  • se tu deciderai di affidarti a noi per la redazione della tua domanda di Messa a Disposizione, l’unica cosa che dovrai fare sarà compilare la tua domanda sulla nostra piattaforma;
  • dopo aver eseguito questa semplice operazione, tu verrai ricontattato entro 24h lavorative da uno dei nostri consulenti esperti, che prenderà in carico la tua MAD e si occuperà di ripulirla da ogni eventuale errore;
  • la tua MAD verrà poi inviata automaticamente a tutti gli istituti della provincia da te selezionata, senza che tu debba muovere un dito: se deciderai di attivare anche MAD Plus, inoltre, tu avrai 3 invii programmati automaticamente per i periodi che preferisci;
  • verrai inserito gratuitamente nell’Elenco Nazionale Supplenti, una piattaforma consultata da più di 12mila istituti, sempre alla ricerca di docenti da inserire nel proprio organico;
  • grazie alla nostra collaborazione con i principali portali Argo, Nuvola e Spaggiari, la tua candidatura verrà inviata direttamente nelle caselle istituzionali delle segreterie scolastiche: in questo modo, potrai star certo che non passerà inosservata!
  • inoltre, riceverai un report con indicate tutte le scuole che hanno ricevuto la tua candidatura.

Il nostro servizio, inoltre, è tutelato dalla garanzia Soddisfatti e Rimborsati.
Questo significa che: se non riceverai il servizio adeguato, tu verrai subito rimborsato.

Ovviamente, chiariamo quanto segue: il servizio non viene rimborsato in caso di una tua non convocazione da parte delle scuole. La scelta dei docenti da convocare è sempre responsabilità dei singoli istituti: su questo, purtroppo, noi non abbiamo alcun potere decisionale.

Prima abbiamo accennato al nostro servizio MAD Plus.

Lascia che ti spieghi brevemente in che cosa consiste.

MAD Plus consiste in un servizio aggiunto dell’invio classico della tua domanda, c
he prevede 3 invii programmati e automatici della tua domanda nei 3 migliori periodi dell’anno scolastico.

A questo proposito, come forse avrai già notato, settembre non è poi così lontano.

E noi sappiamo che il periodo di agosto e settembre è quello maggiormente indicato per candidarsi con la domanda di Messa a Disposizione.

Di solito, chi sceglie di inviare la MAD in questo periodo si muove all’ultimo minuto, come fanno tutti.

Perché non avvantaggiarsi, quindi?

Non sarebbe meglio, per te, programmare già adesso la tua MAD per settembre…
… E non pensarci più, per tutta l’estate?

In questo modo, avrai la certezza che la tua candidatura
sarà una delle prime a finire sulle scrivanie delle segreterie scolastiche!

Approfittane ora!

Programma la tua MAD per settembre qui

(Il servizio costa solo 16 euro in più).

Contatta la redazione

Hai dubbi da porci o domande riguardo il servizio di invio Messa a Disposizione?

Puoi contattare la nostra redazione a questo indirizzo: [email protected]

Riceverai una risposta alle tue domande nel breve tempo possibile.

Leggi gli ultimi articoli:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it