Quali supplenze scuola può accettare il docente di ruolo?
Condividi l'articolo

Il docente di ruolo può accettare supplenze scuola in un grado o Classe di Concorso diversi da quelli di titolarità?

Docente di ruolo: quali supplenze può accettare?

I docenti di ruolo, ai sensi dell’articolo 36 del CCNL 2007, possono accettare incarichi di supplenze scuola.

Ma che cosa prevede, nel loro caso, la normativa?

Vediamolo qui:

Ad integrazione di quanto previsto dall’art. 28, il personale docente può accettare, nell’ambito del comparto scuola, rapporti di lavoro a tempo determinato in un diverso ordine o grado d’istruzione, o per altra classe di concorso, purché di durata non inferiore ad un anno, mantenendo senza assegni, complessivamente per tre anni, la titolarità della sede.

Il docente di ruolo, in sintesi:

  • può accettare supplenze al 30/06 e al 31/08 in un grado di istruzione o Classe di Concorso diversi da quelli della sua titolarità;
  • mantiene (in caso di supplenza) la titolarità della sede per tre anni scolastici (e solo al quarto deve presentare domanda di mobilità, per acquisire la nuova sede di titolarità);
  • è soggetto (durante l’incarico a tempo determinato) alla disciplina prevista dal CCNL per il personale assunto a tempo determinato (fatti salvi i diritti sindacali).

Ma ci sono delle eccezioni in merito?

Effettivamente, vanno fatte alcune precisazioni…

Quali supplenze scuola NON può ottenere il docente di ruolo?

Adesso scendiamo più in profondità e vediamo quali sono le dovute precisazioni da fare, riguardo le supplenze scuola e i docenti di ruolo.

Dove il docente di ruolo NON può ottenere una supplenza?

  • se il docente è titolare nella scuola dell’infanzia, non può ottenere la supplenza nella scuola dell’infanzia su posto comune o di sostegno. Può ottenere una supplenza su posto comune e di sostegno nella scuola primaria e nella secondaria di I e II grado;
  • se il docente è titolare nella scuola primaria, non può ottenere la supplenza nella scuola primaria su posto comune o di sostegno; può ottenerla su posto comune e di sostegno nella scuola dell’infanzia e nella secondaria di I e II grado;
  • se il docente è titolare nella scuola secondaria di I grado, non può ottenere la supplenza su posto comune nella stessa Classe di Concorso e su posto di sostegno nella secondaria di I grado. Può ottenerla su posto comune per un’altra Classe di Concorso nella scuola secondaria di I grado (ovvero: nella scuola secondaria di II grado, scuola primaria, scuola infanzia su posto comune e di sostegno);
  • se il docente è titolare nella scuola secondaria di II grado, non può ottenere la supplenza su posto comune nella stessa Classe di Concorso e su posto di sostegno nella secondaria di II grado; può invece ottenerla su posto comune per un’altra Classe di Concorso nella secondaria di II grado (ovvero: nella scuola secondaria di I grado, scuola primaria, scuola infanzia su posto comune e di sostegno).

Come fa un insegnante a diventare di ruolo?

Banalmente, potremmo dire che un docente diventa di ruolo con il conseguimento del concorso scuola.

Nella realtà attuale, però, sappiamo che non è per nulla semplice arrivare al tanto agognato traguardo.

Infatti, se fino ad oggi i requisiti indispensabili per accedere al percorso verso il ruolo richiedevano il conseguimento di un titolo di Laurea che desse accesso ad una Classe di Concorso completa e i 24 CFU, dal 31 di ottobre in avanti la faccenda sarà molto diversa.

Infatti, con il nuovo reclutamento docenti voluto da Patrizio Bianchi, i 24 CFU non saranno più sufficienti: i docenti dovranno sottostare ad un percorso che ne prevede 60.

Ma non solo.

Come una tortuosa gara di salto ad ostacoli, questo percorso prevede che la formazione dei docenti debba passare necessariamente da: fasi di tirocinio diretto e indiretto, concorsi (che, se Dio vuole, saranno annuali), anno di formazione e di prova, test di valutazione finale…

Insomma, non sarà facile diventare di ruolo.
Ma, di base, non lo è mai stato.

Anche per questo motivo, vista la confusione generale che aleggia attorno al mondo scuola, abbiamo deciso di aiutare aspiranti docenti e laureati desiderosi di intraprendere questo percorso.

Come possiamo aiutare tutti gli aspiranti che vogliono capire quale strada imboccare, per diventare insegnante di ruolo?

Questo ci siamo chiesti, noi di Docenti.it.

E la risposta è…

Progetto Docenti.

Ora ti spieghiamo di che cosa si tratta.

Richiedi la consulenza gratuita

Abbiamo deciso di dare ai nostri clienti la possibilità di ottenere una consulenza telefonica GRATUITA di 20 minuti con uno dei nostri consulenti esperti.

In questo modo: il consulente può valutare la situazione del candidato per intero.
Il che significa: quali titoli di studio possiede, se è iscritto in graduatoria o meno, quali certificazioni, Master e Corsi di Perfezionamento ha conseguito.

E, una volta valutati i titoli che il candidato possiede, può anche valutare quelli che mancano.

In questo modo, può consigliare al candidato il giusto piano d’azione per muovere i passi che gli mancano per avvicinarsi alla docenza di ruolo.

Il tutto concorre ad aiutare il candidato che si rivolge a noi ad entrare nel mondo scuola senza commettere errori e nel modo più veloce possibile.

E perché mai un candidato docente dovrebbe rivolgersi a noi per avere un aiuto ad entrare nel mondo scuola?

Docenti.it si occupa di questo, da oltre 7 anni.
In tutto questo tempo abbiamo aiutato migliaia di aspiranti docenti ad entrare nel mondo scuola con la domanda di Messa a Disposizione (principalmente) e poi con tantissimi altri servizi!

Uno di questi è proprio Progetto Docenti: la tua consulenza gratuita per entrare nel mondo scuola!

Ci sono dei requisiti per richiedere la consulenza?

Sì.

Una Laurea Magistrale, un Diploma abilitante o un Diploma ITP.
Con la Laurea triennale, attualmente, non è possibile fare richiesta della consulenza.

Attivando questa consulenza telefonica, il candidato docente potrà: fare domande sulla propria situazione e su eventuali dubbi che nutre (e immaginiamo ce ne saranno parecchi) e ricevere tutta l’assistenza della quale necessita, per capire come poter migliorare la propria situazione!

Ricordiamo che: questa consulenza è del tutto GRATUITA.
Ed è possibile attivarla direttamente qui.

RICHIEDI LA CONSULENZA GRATUITA

Leggi le nostre ultime notizie:

Photo credit: Pexels

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it