Scuola news supplenze: puoi completare l’orario tra statale e paritaria?
Condividi l'articolo

Scuola news supplenze: il completamento orario è possibile ma solo in determinate condizioni.

Come funziona? Si può completare nella scuola paritaria?

Come funziona il completamento orario?

Sono migliaia i docenti che attualmente stanno svolgendo supplenze nelle scuole italiane: alcuni per poche ore, altri ad orario intero.

Il completamento orario è una prerogativa di tutte le supplenze scolastiche, sia quelle da graduatoria sia quelle da MAD, e si rifà all’OM 112/2022.

Il completamento, prima di tutto, può essere effettuato quando il supplente ha ricevuto un incarico ad orario non intero.

Sono 6 le principali regole:

  • il completamento può avvenire in una sola provincia;
  • si può realizzare al massimo in 3 sedi scolastiche e in 2 comuni;
  • può raggiungere al massimo l’orario obbligatorio di insegnamento di quello specifico grado (25 ore Infanzia, 24 ore Primaria e 18 ore Secondaria);
  • si può svolgere per insegnamenti che presentano lo stesso orario obbligatorio di insegnamento;
  • in caso di insegnanti della Secondaria, il completamento può svolgersi per tutte le Classi di Concorso;
  • può realizzarsi tra scuole statali e non.

In quali casi, quindi, si può completare nella scuola paritaria?

Scuola news supplenze: completamento nella paritaria

Come abbiamo visto, il completamento orario può avvenire anche tra scuole statali e scuole non statali.

Ciò significa che è possibile completare l’orario nella scuola paritaria, ma rispettando una condizione: le supplenze devono essere svolte tra insegnamenti che prevedono lo stesso orario obbligatorio.

Ciò significa che, per esempio, se un docente accetta un incarico nella scuola Primaria statale, può completare in una scuola paritaria dello stesso grado di istruzione.

Quanto detto vale sia per le supplenze da graduatoria, sia per le supplenze da MAD.

MAD: quanto si lavora?

Le graduatorie scolastiche si sono esaurite già da diverse settimane perciò molti supplenti vengono chiamati da MAD.

La Messa a Disposizione segue le stesse regole che interessano le supplenze da graduatoria, ma ha diversi vantaggi.

La Messa a Disposizione, prima di tutto, può essere inviata possedendo anche solo il Diploma di Maturità o la Laurea Triennale.

Non solo: la MAD permette di ottenere supplenze brevi ma anche supplenze per l’intero anno scolastico.

Inoltre, il completamento orario con più MAD è possibile.

Vi è però un altro vantaggio: la MAD può essere programmata per i migliori periodi dell’anno scolastico.

Proprio così: vi sono dei periodi maggiormente favorevoli per ottenere incarichi di supplenza.

Le scuole infatti ricercano principalmente supplenti all’inizio dell’anno, ma anche nei periodi che seguono le vacanze di Natale e di Pasqua.

Programmare l’invio di più MAD nei periodi più favorevoli dell’anno è possibile attraverso il servizio MAD PLUS di Docenti.it.

Docenti.it, specialista della Messa a Disposizione, aiuta da oltre 7 anni gli aspiranti docenti ad entrare nel mondo della scuola.

Con il servizio MAD PLUS potrai programmare l’invio di più MAD nei periodi da te selezionati attraverso l’aiuto di un consulente specializzato.

È molto semplice:

  • compila il form ONLINE;
  • sarai contattato da un consulente specializzato entro 24 ore lavorative;
  • il consulente controllerà i tuoi dati e li analizzerà, dandoti preziosi consigli per la programmazione della MAD;
  • il consulente poi programmerà le tue MAD nei periodi e nelle scuole da te scelte;
  • riceverai un report con tutti i dati.

La programmazione della MAD è un fattore strategico che ti permetterà di avere più possibilità di convocazione.

Che cosa aspetti? Entra subito nel mondo della scuola!

Programma subito la tua MAD qui

Leggi le nostre ultime notizie:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com