Supplenze scuola: hai impegni per gennaio?
Condividi l'articolo

Gennaio è un mese molto importante per le supplenze scuola.

Sai perché?

Durante le prime due settimane del mese, le scuole convocano docenti tramite domande di Messa a Disposizione

Supplenze scuola: il periodo migliore per una convocazione

Gennaio è uno dei momenti più favorevoli per candidarsi con la MAD.

Te ne abbiamo già parlato molte volte in numerosi articoli del nostro blog.

Ma sai il perché questo mese è molto propizio per una convocazione?

Gennaio è quel periodo che segue le vacanze natalizie: un momento dove tutti quei docenti rientrati al sud Italia dalle loro famiglie, possono ritornare a lavoro…

… E invece no.

No, perché quasi tutti gli anni succede che gli aspiranti docenti che si sono recati al sud Italia dalle loro famiglie per le vacanze, ritardino il rientro al lavoro.

Non tutti, ovviamente, ma una buona parte… sì.

E questo rappresenta, da un parte, un grosso problema per le scuole, che devono affannarsi subito alla ricerca di degni sostituti, dall’altra…

… Rappresenta una notevole opportunità per tutti gli aspiranti docenti come te, che vogliono mettersi alla prova nel mondo dell’insegnamento!

Per questo motivo, se sei un aspirante docente che vuole introdursi nel mondo scuola e ottenere incarichi di supplenza…

Invia la tua MAD adesso!
Gennaio rappresenta uno dei momenti più favorevoli per ottenere una convocazione!

Compila la tua MAD ADESSO

Messa a Disposizione: chi può farla?

La domanda di Messa a Disposizione è un’istanza informale che un diplomato, laureato o aspirante docente può inviare alle scuole per ambire ad ottenere incarichi di supplenza.

Una volta fatta questa doverosa premessa, passiamo a dire che…

… Se è vero che è bene essere in possesso dei requisiti idonei per riuscire ad ottenere una convocazione (possedere una Laurea Magistrale/Specialistica o Vecchio Ordinamento che dia accesso ad una Classe di Concorso completa), è anche vero che il fatto di non possedere questo requisito non è compromettente ai fini di una candidatura.

In parole povere: puoi anche candidarti avendo solo il Diploma.
Non è vietato.

Ad esempio, molti laureati triennali scelgono di candidarsi sul sostegno, in quanto sanno che è un ruolo molto richiesto dalle scuole, per il quale vengono convocati anche diplomati o laureati sprovvisti del titolo magistrale.

Per questa ragione, se anche tu non hai tutti i requisiti per candidarti con una domanda di Messa a Disposizione, non preoccuparti: puoi candidarti anche adesso, senza possederli!

Il consiglio che ti diamo, però, è quello di candidarti sul sostegno, in modo tale da aumentare le tue possibilità di ottenere una convocazione!

A meno che tu non sia un Diplomato ITP: in tal caso, come già saprai, hai diretto accesso ad una Classe di Concorso, quindi puoi candidarti direttamente con una MAD Classica.

Puoi inviare la tua MAD qui

Quando inviarla?

La domanda di Messa a Disposizione può essere inviata in tutto l’arco dell’anno, senza che vi siano limiti temporali.

Però…

È bene cercare di azzeccare i periodi “giusti”, ossia quelli che possono conferirti maggiore possibilità di ottenere un incarico.

E quali sono?

Uno di questi è proprio quello che stiamo vivendo ora… Gennaio!

In più, attualmente ci risulta che le scuole abbiano già esaurito tutte le convocazioni da graduatoria, di conseguenza… spazio alle MAD!

La domanda di Messa a Disposizione rappresenta già di per sé un ottimo mezzo per raggiungere il fine (ottenere una convocazione).

Se, in più, a questo ci abbini il fatto che puoi candidarti adesso, in uno dei momenti migliori…

Per i motivi che ti abbiamo già elencato, gennaio rappresenta un momento molto favorevole per te…

… Se vuoi davvero entrare nel mondo scuola o, quantomeno… provarci.

Compila ADESSO la tua MAD

Leggi gli ultimi articoli:

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it