Graduatorie provinciali scuola: scopri le 6 migliori province in cui iscriverti

L’inserimento nelle graduatorie provinciali scuola è imminente.

Il prossimo aggiornamento è previsto per l’estate 2022.
Per poterti inserire al meglio, devi considerare tutte le ipotesi possibili.

Tra queste, l’iscrizione in un’altra provincia, magari diversa da quella in cui avevi pensato di inserirti inizialmente.

Graduatorie provinciali scuola: quando ci sarà l’aggiornamento?

Tra le domande e i dubbi che ruotano attorno al prossimo aggiornamento delle graduatorie provinciali, vi è sicuramente questo.

Molti nostri clienti, infatti, continuano a chiederci se conosciamo la data precisa della riapertura delle graduatorie.

Purtroppo non sono ancora usciti comunicati ufficiali che diano indicazioni su una data: possiamo solo ipotizzare che il periodo durante il quale si verificherà la riapertura delle graduatorie sarà l’estate 2022.

Nonostante non possiamo conoscere la data certa, avere già un periodo di riferimento ci consente di poter stabilire quanto segue: il tempo per prepararsi alla prossima riapertura non è molto.

Da qui a quest’estate intercorrono solo pochi mesi.
Mesi durante i quali chi intende iscriversi per la prima volta in GPS deve impegnarsi duramente per aumentare il proprio punteggio.

Ovviamente, questo vale per tutti quei docenti che vogliono davvero fare dell’insegnamento la loro professione.

Insegnare non è un ripiego

Il lavoro dell’insegnante non può essere una professione di ripiego.
Non è un hobby per gente annoiata che non sa quale lavoro scegliere.

Per poter intraprendere questa strada bisogna essere fortemente motivati, per due motivi:

  • insegnare non è un lavoro semplice come molti credono: è un impiego molto faticoso, dove concorrono molte responsabilità. Se un aspirante docente non è motivato, alla lunga troverà difficile proseguire lungo questo percorso. Per di più, svolgerà in maniera pessima il suo lavoro, rischiando di danneggiare anche i propri alunni.
  • altro motivo piuttosto rilevante: la strada per diventare insegnante non è assolutamente semplice.
    Solitamente, infatti, un docente impiega anni e anni di lavoro (come precario) prima di riuscire ad ottenere una cattedra. Parliamo di circa 10 anni (in media) di lavoro sottopagato, senza avere mai la certezza di una convocazione a inizio anno scolastico.

Credo che dopo queste poche righe, qualunque aspirante docente non motivato si fermerebbe dal proseguire lungo questa strada.

Ed è proprio questo il nostro scopo: farti riflettere sul fatto che devi avere una motivazione forte per insegnare.
Come abbiamo già detto prima, la strada per diventare docente è molto tortuosa: sono richiesti numerosi sacrifici per poter calcare le graduatorie, accumulare punteggio e ottenere sempre più incarichi, che ti diano la possibilità di fare sempre più esperienza.

Tra questi sacrifici, uno richiede la volontà di trasferirsi pur di ottenere un incarico.

Inserirsi in graduatoria: su quale provincia?

Sappiamo che non è semplice considerare questa ipotesi.
Ci rendiamo conto che trasferirsi in un’altra provincia o regione lontano da casa è, nella maggior parte dei casi, scomodo.

Probabilmente avrai una famiglia a cui badare: avrai anche messo radici che non te la senti di sradicare.

È tutto perfettamente comprensibile e noi ti capiamo appieno.

Il fatto è che, in alcuni casi, non considerare la possibilità di trasferirsi in un’altra provincia potrebbe costarti molto caro.

Perché diciamo questo?

Perché a seconda della provincia in cui ti inserirai in graduatoria dipende il punteggio che avrai.

Scopri InCattedra

Ti facciamo un esempio: tu sei inserito sulla provincia di Milano per una determinata Classe di Concorso.
Milano è una delle province più grandi, di conseguenza è difficile ottenere incarichi di convocazione. Potresti avere qualche speranza solo in caso tu possedessi un punteggio veramente molto elevato.

Ma questo non è il tuo caso.
Così rimani inserito su Milano e attendi. Aspetti di essere convocato dagli istituti ma questo non accade.

Quello che non sai è che, magari, se ti fossi inserito su Alessandria, avresti avuto un punteggio molto più alto, rispetto alla provincia di Milano.

Un punteggio più alto anche solo di 7 punti, ad esempio.
Nulla di esagerato.
Eppure, devi considerare bene quanto sto per dirti: perché bastano solo 7 punti di differenza in graduatoria per scalare fino a 100 posizioni!

Lo sapevi?

No.
E come potevi?

Come avresti potuto sapere che su Alessandria saresti stato convocato subito?
Come potevi sapere esattamente quale punteggio potevi avere su una provincia diversa dalla tua?

In fondo, non ti sei mai posto il problema, giusto?
Oppure: hai sempre pensato che tu non potessi reperire un’informazione simile.

Chi mai potrebbe darti la certezza scritta, nero su bianco, con un report dettagliato di quale posizione avresti se solo decidessi di cambiare provincia?

Il protocollo InCattedra.

Questo è l’unico modo per vedere il tuo preciso posizionamento in graduatoria su diverse province.

Ma lascia che ti spieghi meglio.

Scopri InCattedra

La scelta delle 6 province

Il nostro nuovo servizio InCattedra ti consente di visualizzare la tua posizione attuale e futura in graduatoria su 6 province diverse.

Questo è possibile grazie ad un software che abbiamo ideato noi: si chiama YourPlace e ci consente di incrociare le graduatorie nazionali e provinciali e scoprire quale punteggio potrai ottenere su diverse province.

Queste province sarai tu stesso a sceglierle.
Infatti, se deciderai di usufruire di InCattedra, otterrai una consulenza telefonica personalizzata con uno dei nostri consulenti esperti. Durante questa telefonata, il consulente indagherà i tuoi titoli di studio, le certificazioni e i corsi che hai conseguito e ti domanderà se hai effettuato già supplenze nella scuola.

Dopodiché, verificherà quale punteggio hai attualmente in graduatoria, sulla provincia dove sei inserito.

Successivamente, il consulente ti chiederà di scegliere le 6 province a tua scelta, dove vorresti inserirti.
Solo a quel punto, tu potrai renderti conto effettivamente di quale provincia potrà essere per te la più indicata.

Il tutto ti verrà poi confermato tramite l’invio di un report, dove potrai visualizzare, nero su bianco, il tuo miglior posizionamento in graduatoria, assieme ai consigli del nostro consulente su quali passi dovrai ancora compiere per massimizzare le tue possibilità di ottenere incarichi.

Riuscire a capire quale potrebbe essere il tuo miglior posizionamento in graduatoria rappresenta un’enorme opportunità per te.

Infatti, sono molti i docenti che si trovano in condizioni piuttosto precarie, per quanto riguarda il loro punteggio.
Questo è il motivo per il quale decidono di affidarsi a noi.

E dovresti farlo anche tu.

Anche perché, devi considerare in maniera piuttosto seria quanto sto per dirti: se continui ad avere un punteggio molto basso in graduatoria non verrai mai chiamato.
Mai.

La concorrenza è troppo elevata e ci sono troppi insegnanti già inseriti, sicuramente posizionati meglio di te.

L’unica alternativa che hai è cercare di avvantaggiarti.

Fallo ora che puoi!

Adesso che hai ancora qualche mese di tempo per prepararti in vista delle graduatorie e conseguire i corsi e i Master che ti servono per aumentare il tuo punteggio.

A gennaio sarà già troppo tardi.

Scopri InCattedra

Approfondisci l’argomento:

Photo credit: Pexels.