Nuovo reclutamento docenti: chi potrà erogare i corsi di formazione?
Condividi l'articolo

Il nuovo reclutamento docenti prevede un continuo sviluppo professionale e formativo per i docenti.

Ma chi potrà erogare i corsi di formazione?

Nuovo sistema di reclutamento docenti: le novità

Il testo del decreto legge, che regola il sistema del nuovo reclutamento docenti, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Come abbiamo già visto, il sistema del nuovo reclutamento docenti prevede un continuo sviluppo professionale e di carriera del personale scolastico, che sarà veicolato attraverso una Scuola di Alta formazione.
Questo sistema prevede la formazione continua delle seguenti figure del mondo scuola:

  • dirigenti scolastici;
  • docenti;
  • e personale ATA.

TESTO GAZZETTA UFFICIALE QUI

Inoltre, il sistema che concerne la formazione non riguarderà solo gli aspiranti docenti neoassunti ma anche e soprattutto gli insegnanti di ruolo.

La formazione dei docenti

Il nuovo sistema prevede un continuo sviluppo professionale e formativo dei docenti.
Questa è la mission della riforma Bianchi per la scuola.

Ma a chi spetterà il compito di erogare la formazione?

La formazione sarà erogata da queste istituzioni ed enti:

  • dalla Scuola nazionale dell’amministrazione;
  • da tutte le università;
  • dalle Istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica;
  • dalle istituzioni scolastiche;
  • dagli enti pubblici di ricerca;
  • dalle istituzioni museali pubbliche e da tutti gli enti culturali rappresentanti i Paesi le cui lingue sono incluse nei curricoli scolastici italiani.

Il decreto introduce un sistema di formazione e aggiornamento permanente degli insegnanti, che sarà articolato in percorsi di durata almeno triennale.

Tra percorsi di formazione ci saranno anche attività di:

  • progettazione;
  • mentoring e coaching a supporto degli studenti per il raggiungimento di obbiettivi scolastici specifici.
    Inoltre, il docente eseguirà corsi di sperimentazione di nuove modalità didattiche con delle ore aggiuntive, rispetto a quelle di “normale” didattica in aula.

Ma quante ore sono previste per la formazione?

Nell’ambito del monte ore annuale complessivo di formazione, sono previste:

  • 15 ore per la scuola dell’infanzia e primaria;
  • e 30 ore per la scuola secondaria di primo e secondo grado, per percorsi formativi finalizzati allo sviluppo della professionalità docente.
    Le restanti ore sono dedicate a: attività di progettazione, mentoring e coaching che servano come supporto per gli studenti.

Che cos’è la Scuola di Alta formazione

La Scuola di Alta Formazione è una struttura che sarà funzionale all’erogazione on line dei corsi di formazione.
Sarà dotata di un comitato tecnico-scientifico di elevato profilo professionale.

Le sue funzioni amministrative saranno garantite dal Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione.

Per garantire un sistema di formazione continua, saranno inoltre coinvolti:

  • Indire;
  • Invalsi;
  • e Università italiane e straniere.

L’obiettivo della Scuola di Alta formazione è quello di fornire una formazione pedagogica e didattica che permetta di trasmettere competenze metodologiche, digitali e culturali nell’ambito di una didattica di alta qualità.

Vuoi leggere altre informazioni sul nuovo reclutamento docenti?
Leggi anche:

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it