Scuola, news: docente ha una relazione con alunna. Il tribunale lo dichiara innocente
Condividi l'articolo

Scuola news: un insegnante instaura una relazione con un’alunna, da poco maggiorenne.

Il tribunale lo dichiara innocente.

Docente ha una relazione con alunna: il fatto

La notizia è stata riportata dal Corriere della Sera.

Un docente è stato destituito dal servizio per aver intrattenuto una relazione con un’alunna, da poco maggiorenne.

Il docente lavorava presso un istituto superiore della Lombardia.

L’insegnante ha raccontato al Tribunale quanto segue: la storia era nata, inizialmente, da un interessamento della ragazza.
L’alunna era quindi consenziente e ricambiava appieno i suoi sentimenti.

Secondo il docente, poi, anche la madre della ragazza sapeva tutto della presunta relazione.

Tre gradi di giudizio e tutte le accuse sono state regolarmente giudicate inconsistenti e, infine, smontate.

Il tribunale lo dichiara innocente, ma…

… Il docente è stato destituito dal servizio.

Che cosa significa questo?

Che l’insegnante non potrà avere alcun accesso al mondo della scuola (in futuro), né a qualsiasi altra forma di pubblico impiego.

Nella realtà dei fatti, l’uomo non era stato denunciato per la relazione con la studentessa: anche perché, ella era maggiorenne all’epoca dei fatti.
Si tratta di reato solo se l’allievo o l’allieva ha meno di 16 anni.

L’uomo è finito in tribunale in quanto aveva deciso di fare ricorso contro la destituzione.

Di fronte alla sua azione legale, i giudici si sono così espressi: Il disvalore delle condotte emergeva in tutta la sua gravità considerando, da un lato, il ruolo di responsabilità e la funzione educativa assegnati al docente e, dall’altro, il fatto che gli studenti a lui affidati attraversavano un’età obiettivamente critica sotto il profilo dello sviluppo della personalità e delle modalità di interazione sociale”.

Scuola, news: la madre dell’alunna sapeva della relazione

Il fatto che la madre fosse consapevole della relazione tra l’alunna e il professore è stato considerato un’aggravante alla situazione.

Questo perché, dopo un colloquio tra il professore e la donna, la relazione si era brevemente interrotta, ma poi era stata riallacciata.

Il docente ha cercato di spiegare che tutta la storia si è sempre svolta al di fuori dell’ambito scolastico e senza che ci fossero ripercussioni sul suo lavoro o sulla condotta dell’alunna.

Nonostante questo, la relazione con la studentessa è stata però ritenuta “Una grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa”.

Infatti, come spiegano i Giudici della Corte d’Appello, secondo il Corriere della Sera, “Instaurare una relazione sentimentale e sessuale con un’alunna, tanto più se minorenne, significava venir meno in modo radicale ai doveri e alle responsabilità insiti nel ruolo e disvelava la totale incapacità di discernere la sfera professionale da quella personale e la sfera etica da quella sentimentale, giungendo il docente a uniformarsi nei comportamenti a un coetaneo dei propri allievi”.

Leggi le nostre ultime notizie:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it