Supplenze da GPS: chi ha l’abilitazione ha la precedenza da II fascia?
Condividi l'articolo

Chi acquisisce l’abilitazione per l’insegnamento non avrà comunque la priorità di convocazione nelle supplenze da GPS II fascia.

Questo è quanto prevede l’OM per il biennio 2022/24.

Supplenze da GPS II fascia: cosa prevede l’OM

L’Ordinanza Ministeriale 2022/24 per le supplenze da GPS prevede che chi acquisisce l’abilitazione non potrà comunque godere di alcuna precedenza nelle convocazioni da graduatorie GPS II fascia.

O meglio… diciamo che nell’Ordinanza non è specificata la possibilità di richiedere la priorità di convocazione per l’attribuzione delle supplenze in II fascia GPS.

L’OM (di cui Orizzonte Scuola ci fornisce il TESTO) specifica, all’art. 10, che riguarda gli Elenchi aggiuntivi GPS quanto segue:

  • nelle more della ricostituzione delle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS), tutti gli aspiranti che acquisiscono il titolo di abilitazione (ovvero di specializzazione sul sostegno) possono richiedere l’inserimento negli elenchi aggiuntivi alle GPS di I fascia per l’anno scolastico 2023/2024.

    A tale si attinge in via prioritaria rispetto alla II fascia.

    In caso gli aspiranti fossero già inseriti in una qualsiasi GPS, l’inserimento negli elenchi aggiuntivi sarebbe vincolato alla provincia di inserimento precedente e comporterebbe l’automatico depennamento dalle graduatorie GPS II fascia della Classe di Concorso corrispettiva.
  • Per una corretta costituzione degli elenchi aggiuntivi (di cui al comma 1) e della definizione della relativa tempistica, il Ministro ha comunque emanato uno specifico decreto.

Ma andiamo avanti.

E chi ottiene l’abilitazione?

Come abbiamo precedentemente letto, nell’Ordinanza Ministeriale manca qualunque riferimento alla possibilità che i docenti abilitati possano richiedere la priorità per l’attribuzione delle supplenze da II fascia GPS.

Fino ad oggi, secondo le modalità, effettivamente chi possedeva l’abilitazione avrebbe avuto diritto a questo “privilegio”: ma applicare questa regola all’anno scolastico 2022/23 avrebbe totalmente destabilizzato le graduatorie a causa dell’elevato numero dei partecipanti.

Di conseguenza, tutti i docenti che superano il concorso per la scuola secondaria e ottengono, quindi, l’abilitazione, avrebbero potuto richiedere la priorità nelle suddette graduatorie, se non fosse che…

… L’Ordinanza Ministeriale non riporta alcun riferimento specifico a tale possibilità.

Sicuramente, la priorità dovrebbe essere quella di assicurare quanti più docenti abilitati possibili alle classi.

Questo rientra nell’ottica di un normale scorrimento delle graduatorie.

C’è poi da considerare che, quasi paradossalmente, la priorità ai docenti abilitati (o specializzati) viene assicurata nel conferimento delle MAD per tutti quegli aspiranti non inseriti in alcuna graduatoria.

Alcuni aspiranti docenti, poi, non hanno potuto nemmeno beneficiare del termine del 20 luglio 2022.
Così come colore che sono stati re-introdotti alla procedura esattamente dopo che la commissione nazionale ha ammesso gli errori nella prova scritta e ha acconsentito al ricalcolo del punteggio.

Tali aspiranti si erano già accorti, in estate, che tale errore sarebbe poi ricaduto anche nelle graduatorie GPS.
Il problema è che… nulla è stato fatto per rimediare a tale mancanza.

A questo seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Leggi gli ultimi articoli:

Photo credit: Pixabay

author-avatar

Martina Vaggi

Classe 1991, copywriter e scrittrice. Nata a Sale, un paesino in provincia di Alessandria. Scrive dall’età di 10 anni. Nel 2015 si laurea in Lettere Moderne presso l’università di Pavia. Nel 2020 pubblica il suo primo libro "Il diario del silenzio - Storie reali di quarantena" che descrive il processo di cambiamento della vita di 40 persone ai tempi del Covid. Nel 2022 si trasferisce a San Marino per lavorare come copywriter per Docenti.it