Supplenze docenti: quando si utilizzano le MAD?
Condividi l'articolo

Le assunzioni scuola per il prossimo anno scolastico si avvicinano.
Tra queste, anche le supplenze docenti.

Gli istituti fanno sempre più ricorso alle MAD per gli incarichi di supplenza.

E tu sai come funziona?
Quando si ricorre alla domanda di Messa a Disposizione?

Supplenze docenti: con quale ordine si procede?

A settembre si ritorna sui banchi di scuola.

Manca davvero poco e le scuole si stanno preparando ad accogliere nuovi docenti.

Il 29 luglio il Ministero ha reso nota una circolare riguardante l’utilizzo delle MAD da parte delle scuole che non riescono a coprire le cattedre.

Per le supplenze docenti, infatti, si attinge da tre diverse graduatorie:

  • GAE (Graduatorie ad Esaurimento);
  • GPS (Graduatorie Provinciali per le Supplenze);
  • GI (Graduatorie di Istituto).

E si attribuiscono tre diverse tipologie di supplenze:

  • supplenze annuali su posto comune o di sostegno, per la copertura delle cattedre/posti vacanti resisi tali entro il 31 dicembre (termine contratto 31/08);
  • supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche su posto comune o di sostegno, per la copertura di cattedre/posti non vacanti ma di fatto disponibili. Posti resisi tali entro il 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico, per le ore di insegnamento che non concorrano a costituire cattedre o posti orario (termine contratto 30/06);
  • supplenze temporanee per ogni altra necessità diversa dai casi precedenti, con termine all’ultimo giorno di effettiva permanenza delle esigenze di servizio.

Come spesso accade, però, i candidati inseriti in queste graduatorie non bastano a ricoprire le cattedre vacanti.

Queste situazioni si sono verificate moltissime volte negli anni precedenti e il ricorso alla MAD è stato davvero massiccio.

Ma quando si utilizza la convocazione da MAD?

Supplenze da MAD: quando si utilizzano

Per ricoprire le supplenze brevi si utilizzano solitamente le Graduatorie di Istituto.

Ma, in caso di esaurimento di GAE e GPS, le Graduatorie di Istituto servono anche per le supplenze al 30 giugno e 31 agosto.

Può capitare però che anche le GI si esauriscano…

…e se anche le Graduatorie di Istituto delle scuole viciniori sono indisponibili, si ricorre alle MAD.

La MAD (domanda di Messa a Disposizione) diventa quindi uno strumento molto importante per ottenere non solo incarichi di supplenza brevi, ma anche fino alla fine dell’anno scolastico.

Ma che cos’è la MAD?

La domanda di Messa a Disposizione è un’istanza informale da presentare alle scuole al fine di candidarsi e rendersi disponibili per gli incarichi di supplenza.

Si tratta quindi di un’ottima modalità per poter entrare nel mondo della scuola e maturare punteggio.

Soprattutto se non ti sei iscritto in nessuna graduatoria….

Ma, ricordiamo, anche gli iscritti in GPS possono al momento inviare MAD per provincia e Classe di Concorso diverse rispetto a quelle con cui sono inseriti in graduatoria.

Le scuole inizieranno molto presto la ricerca di supplenti: non perdere questa occasione!

Come si invia la MAD?

Come ogni anno, le segreterie scolastiche iniziano a chiamare supplenti già a partire dalla fine dell’estate.

Per questo il momento giusto per inviare la MAD è tra la seconda metà di agosto e la fine di settembre.

Ma compilare la MAD non è così semplice come si pensa…

La domanda di Messa a Disposizione deve essere redatta correttamente: non devi fare errori, altrimenti non verrai convocato!

Docenti.it si occupa da anni di insegnanti e aspiranti docenti che vogliono coronare il sogno di poter insegnare.

Perciò ha creato una piattaforma che permette di inviare la MAD alle scuole in modalità ONLINE.

Che cosa aspetti?

Le scuole potrebbero avere bisogno di te molto presto!

Ma sapevi che la MAD può essere inviata anche sul sostegno?

Inviare la MAD sul sostegno

Ogni anno gli istituti partono alla ricerca disperata di insegnanti di sostegno, in quanto ci sono sempre meno docenti specializzati per questo ruolo.

Per questa ragione, spesso vengono convocati anche docenti che non sono ancora in possesso del titolo idoneo per questo delicato ruolo.

Ed ecco qui l’importanza di candidarsi con una MAD sostegno nelle scuole.

La MAD sostegno ti permette non solo di aumentare le tue possibilità di essere convocato, ma anche di sperimentare una nuova strada, che potrebbe essere quella giusta per te.

Per aiutarti e agevolare il tuo percorso abbiamo deciso di creare una PROMO: potrai inviare la tua MAD Sostegno a soli 12 euro anziché 19.

Se hai dubbi, contattaci: i nostri esperti consulenti potranno aiutarti e rispondere ad ogni tua domanda.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pixabay.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.