Supplenze GPS: si può rimandare la presa di servizio? I motivi
Condividi l'articolo

Le domande per le supplenze GPS si sono chiuse la settimana scorsa. Ora si aspettano i risultati e molti aspiranti docenti sperano di ricevere una nomina.

Ma nel caso di comprovate motivazioni, si può ritardare la presa di servizio?

Supplenze GPS: posso rimandare la supplenza?

Il 16 agosto si sono chiusi i termini per presentare la domanda relativa alle 150 preferenze, necessaria per poter partecipare agli eventuali incarichi di supplenza 2022/23 per tutti gli iscritti in GAE e GPS.

Le supplenze, al 30 giugno e 31 agosto 2023, verranno assegnate tramite un sistema automatizzato il quale analizzerà le scelte effettuate da ogni candidato.

La presa di servizio, per chi riceve un incarico, inizierà il 1° settembre 2022. Le operazioni dovrebbero quindi concludersi entro la fine di agosto.

Ma, in caso di nomina tardiva, saranno gli Uffici Scolastici ad indicare con precisione le condizioni di presa di servizio.

L’attesa cresce: sono tantissimi gli aspiranti docenti che aspettano di ricevere un incarico.

E le possibilità si fanno avanti proprio perché, come stimato dai sindacati, saranno circa 150mila i supplenti a lavoro da settembre.

Allo stesso tempo, però, potrebbero sorgere dei problemi.

Un docente che ottiene un incarico di supplenza ma che, per determinati motivi, non riesce a prendere subito il servizio, può rimandare l’entrata a scuola?

Secondo le regole stipulate nell’annuale circolare sulle supplenze, differire la presa di servizio è possibile.

Ci sono però alcune condizioni. Vediamo quali.

Ritardare la presa di servizio: i motivi

Il docente che ottiene un incarico di supplenza GPS o GAE ha possibilità di ritardare la presa di servizio per comprovati motivi.

Ad esempio, parliamo di:

  • maternità
  • interdizione per gravi complicanze della gestazione
  • malattia
  • infortunio

Ma come ribadito nella circolare sulle supplenze, queste motivazioni sono a titolo esemplificativo.

Ciò significa che ritardare la presa di servizio è possibile anche per cause diverse da quelle citate.

Bisogna ricordare che, se si differisce la presa di servizio, non si percepirà la retribuzione fino a che non si entrerà a scuola.

Leggi anche:

E seguici su Facebook e Instagram.

Photo credit: pexels.com

author-avatar

Veronica Conti

Classe 1998, è studentessa e insegnante di musica. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2018 e, due anni dopo, il Diploma Accademico di II Livello in Violoncello presso il Conservatorio di Cesena. Frequenta il terzo anno all'università di Urbino, Lingue e Culture Straniere profilo linguistico-aziendale, ed è tirocinante presso Docenti.it.